lunedì 16 Settembre 2019
Home Territorio Bassa Padovana Sparò al ladro che fece irruzione in casa, macellaio condannato a 4...

Sparò al ladro che fece irruzione in casa, macellaio condannato a 4 anni e 11 mesi

Walter Onichini, 37 anni, aveva ferito e caricato in auto il malvivente, per poi abbandonarlo poco lontano. Per il giudice non si è trattato di legittima difesa

LEGNARO. Per aver ferito e abbandonato in un campo il ladro che gli stava rubando la macchina, Walter Onichini, 37 anni, è stato condannato a quattro anni e undici mesi, più l’interdizione temporanea dagli uffici pubblici e un risarcimento di 24.500 euro. Questa la decisione presa dal Tribunale di giustizia di Padova che ha condannato il commerciante per aver sparato a un malvivente introdottosi nella sua villetta, assieme ad altri, per compiere un furto. Secondo l’accusa, il macellaio aveva sparato con l’intenzione di uccidere.

I fatti risalgono alla notte del 22 luglio 2013 quando, in via Montegrappa a Legnaro, il macellaio aveva sparato verso alcuni malviventi che, dopo aver fatto irruzione nella villetta, stavano cercando di rubargli l’auto. A rimanere leso uno dei ladri, all’epoca 21enne, che dopo essere stato colpito dal proiettile era stato allontanato dal proprietario di casa. Abbandonato dal macellaio a circa un chilometro dall’abitazione – probabilmente per non farsi rintracciare – il ladro era stato ritrovato all’alba da un passante, ferito ma ancora in vita. Soccorso dai volontari del Suem 118, gli era stata asportata la milza. Processato il 9 febbraio 2017, senza confessare i nominativi dei complici, è stato condannato a 3 anni e 8 mesi ed è oggi latitante. Pena ben più pesante quella richiesta dal pm Emma Ferraro per Onichini: il pubblico ministero infatti, intravedendo nell’utilizzo dell’arma da fuoco l’intenzione di uccidere, aveva chiesto per lui 5 anni e due mesi di prigione.

L’imputato, durante il processo, si è difeso sostenendo di aver temuto che i rapinatori avessero rapito il figlio, ma agli occhi del giudice quella del macellaio non è stata legittima difesa. Alla lettura della sentenza in tribunale a Padova si è scatenata la protesta del pubblico, composto in buona parte da amici e sostenitori del commerciante. In molti, anche all’esterno dell’aula, hanno manifestato la propria solidarietà nei confronti di Onichini: «Io tra Abele e Caino sono sempre dalla parte del primo e mai del secondo, io tra chi difende la propria casa e la propria famiglia e chi invece la aggredisce sto sempre dalla parte del primo, e mai del secondo» ha commentato il vicepresidente del Senato Roberto Calderoli.

Lascia un commento

Giada Trincanato
Giada Trincanato
Un quarto di secolo appena compiuto, figlia del mondo e dell'avventura. Il caos è il mio regno, come lo sono uno scoglio sul mare e uno stadio gremito. Mangiatrice di libri e viaggi, sognatrice a tempo pieno. Fantastico ancora di poter vivere di pura scrittura, sempre con un biglietto in mano e una vita da raccontare.
- Advertisment -

Da leggere

Incidente con cinghiale, come ottenere il risarcimento dei danni

Capita sempre più frequentemente di trovare dei cinghiali sulle strade del bacino dei Colli Euganei. La presenza di questi animali selvatici all’interno della carreggiata,...
bar-footer
bar-footer