RUBRICHE – Classifiche – Le 10 cose da fare ad Este

6
156

Chi di voi non ha imbrattato almeno una pagina del suo diario delle elementari /medie con una classifica dei/delle più belli/e della scuola? O quando ha dovuto prendere una decisione ha scritto le alternative in ordine di importanza? Fare classifiche è un po’ come scrivere i pro e contro di qualcosa: è un procedimento mentale insito nell’essere umano, che lo porta a schedare e catalogare il mondo circostante come se tutto fosse un oggetto da vendere.

img 570La prima classifica che vi propongo è stata stilata grazie ad anni ed anni di esperienze di vita provinciale in un’incantevole e ridente cittadina ai piedi dei Colli Euganei chiamata Este. Con i suoi numerosi abitanti, locali ed opportunità di ritrovo il divertimento per i giovani è assicurato in tutte e quattro le stagioni! Ma veniamo a ciò che assolutamente non potrete mancare di fare se vi trovate da queste parti.

10) Passeggiare per i Giardini all’interno del castello, con particolare attenzione alla fontana, non funzionante 360 giorni all’anno. Avrete l’opportunità di osservare la fauna locale appartata sulle panchine e i bulletti delle medie fumare le prime sigarette nascosti dietro agli alberi. Un vero e proprio must.
9) Il trancio di pizza nel vicolo di fronte al castello. Saporito, pratico, insostituibile.
8) Parcheggiare in centro il sabato e la domenica. Solo per i più temerari.
7) Andare a studiare in biblioteca, o meglio, passare delle piacevoli mattinate e/o pomeriggi in compagnia degli studenti atestini alle prese con i più terribili esami: potrete confrontarvi su temi culturalmente elevati ed essere incastrati in una qualche partita di calcetto. Nessuno vi discriminerà se dimenticherete i libri a casa.
6) Prendere un treno alla stazione. Prima o poi, un vagone arriverà sferragliando solitario.
5) Mangiare un Morgana, il più consistente panino che il territorio possa offrirvi, in un luogo tranquillo che ricorda vagamente un pub irlandese. Consigliatissimo.
4) Farsi un giretto intorno all’originale rotonda ovale (no, non è una figura retorica) all’incrocio tra via Settabile e via 28 Aprile. Una sfida non salirci sopra con le ruote dell’auto.
3) Le paste della domenica mattina o le panne ghiaccio come alternativa estiva: nel loro elegante pacchettino con fiocchetto, rallegreranno tutta la famiglia e renderanno vano ogni tentativo di dimagrimento. Irresistibili.
2) Non c’è maltempo o catastrofe che tenga. Ogni domenica dell’anno, se vuoi mostrare a tutti quello che sei, quello che vali, indossa i tuoi migliori abiti e corri a bere lo spritz in centro: potrai scegliere se stare nel bar di destra o in quello di sinistra, o, ancora meglio, se sostare in centro e sfilare con nonchalance tra gli occhi dei baldi giovani che ti osserveranno e ti classificheranno mentalmente. Sempre se sei riuscito a parcheggiare.
1) Ma veniamo all’attività delle attività, l’immancabile, quella che contraddistingue gli abitanti atestini di tutte le età, lo sport locale, praticabile sempre e ovunque, in piedi, seduti al bar o su una panchina: il pettegolezzo! Parlate dei vostri amici, dei vostri nemici, dei vostri professori, dei vostri conoscenti, e diffondete il verbo quanto più potete, aggiungendo tutti i dettagli (anche immaginari) che vi vengono in mente. Divertimento assicurato.

Valeria Ferraretto

6 Commenti

  1. Direi che ne manca una importante: lasciare la macchina parcheggiata con le 4 frecce davanti al vaniglia e cioccolato, perchè parcheggiare in castello e fare 50 metri a piedi è da plebei…alla faccia di tutti i cartelli di divieto di fermata!

  2. Ciao a tutti.
    Sono atestino dalla nascita e dal 2001 ho passato il Po diventando estense , ma solo par la burocrazia.
    La classifica è mitica , per i miei tempi (anni 80 e 90 ) mancano solo le compagnie soto i porteghi alla domenica mattina altezza leoni, le partite della juve alla domenica pomeriggio da Ricky Schizzerotto …. e quanti ricordi. E a proposito di parcheggi avventurosi , ringrassiè che Fasson no xe pi in servizio!!!

Comments are closed.