mercoledì 29 Gennaio 2020
Home Territorio Railmates, un'app per trovare i propri amici in treno

Railmates, un’app per trovare i propri amici in treno

railmatesTipica situazione da pendolari: nebbia e freddo mentre si aspetta un treno, seduti o ancora peggio in piedi. Soluzione? Trovare qualcuno in treno nella nostra situazione con cui parlare, ancora meglio se fosse un nostro amico o conoscente. Così magari quell’ora interminabile in treno la si vive meno come una tortura, ma diventa un ottimo momento in cui scambiare due parole. Tuttavia non è sempre facile trovare l’amico che ti salva la vita in treno. Quante volte capita di essere nello stesso vagone di qualcuno che conosciamo, senza magari accorgersene a causa della ressa? Ecco un’app che può fare al caso vostro: Railmates.

COS’E’?

E’ un’applicazione gratuita per smartphone compatibile per Android e a breve lo sarà anche per iOS. Railmates è nata proprio per scoprire chi è a bordo del treno con noi.

COME FUNZIONA?

Ci si iscrive con Facebook per accedere all’applicazione, dopodiché si aggiunge il numero del treno in cui si è. Fatto questo, automaticamente avverte se c’è qualche amico a bordo. Railmates trova sia i propri amici su Facebook, sia persone che sono connesse all’app e che sono nel nostro stesso treno. Semplice ed utile per evitare di passare il proprio viaggio in treno da soli.

CHI HA CREATO QUEST’APP?

L’idea è nata ed è stata realizzata da tre ragazzi diplomati in Web-Design nell’Istituto Design Palladio di Verona: Andrea Brunato, UX Designer e Developer, Andrea Novella, Designer e Developer e Gabriele Rampazzo, Graphic Designer e Marketing Strategist. I tre giovani si sono conosciuti durante il loro percorso di studi presso l’Istituto veronese, seguendo il corso di Web Design.

unco-railmates-3

 

Pietro Zangrossi
Pietro Zangrossi
Classe 1996, nato a Este. Studente di Medicina presso l'Università degli Studi di Padova, attualmente in Erasmus a Vienna. Non viaggio e vado all'estero per scappare dai problemi dell'Italia, ma per conoscere, crescere e poi tornare per affrontarli al meglio. Approvo l'innovazione come miglioramento dello status quo, non il bigottismo e la chiusura mentale; tuttavia apprezzo discutere con chi ha visioni diverse dalle mie.

Non perderti le ultime notizie e i prossimi eventi. Iscriviti alla newsletter!

RESTA CONNESSO

13,346FansMi piace
1,912FollowerSegui

RICERCA ARTICOLI

  • Categorie

  • Autori