sabato 24 Agosto 2019
Home Territorio Piove di Sacco, rifiuta casa popolare a 53€: "Mal arredata e con...

Piove di Sacco, rifiuta casa popolare a 53€: “Mal arredata e con erba alta”

(Comune di Piove di Sacco, Fonte Foto: www.geoplan.it)
(Comune di Piove di Sacco, Fonte Foto: www.geoplan.it)

Dopo quasi due anni di attesa, un ventenne della Saccisica in graduatoria per una casa comunale, riceve un alloggio per 53€ mensili ma lo rifiuta perché “troppo lontano dal centro, mal arredato e dotato di un giardino con erba troppo alta”. È successo a Piove di Sacco dove il Comune aveva assegnato a un ragazzo in totale conflitto familiare un tetto nei pressi di via Villa nella frazione di Corte. Il 19 marzo l’assegnazione dell’alloggio, ad aprile l’accettazione da parte del giovane e a maggio era attesa la sottoscrizione di un contratto che non è mai stato controfirmato.

Dopo più di un mese di rinvii per la stipula del contratto da parte del ventenne, l’amministrazione comunale capitanata dal sindaco Gianella e dall’assessore sociale Ranzato ha costretto il ragazzo ad un incontro per fare il punto della situazione. Dopo diverse obiezioni e contestazioni, il giovane ha giustificato la sua revoca a causa delle situazioni della casa: “L’alloggio è troppo distante dal luogo di lavoro, il mobilio è inadeguato, l’erba è troppo alta e il costo della registrazione del contratto è troppo elevato”.

Sarebbero queste le motivazioni che hanno spinto il giovane, in graduatoria con altre 148 famiglie, a rinunciare alla possibilità di vivere in una casa comunale a prezzo estremamente ridotto. Inoltre, a parere del ragazzo, l’alloggio assegnatogli non sarebbe stato troppo sicuro a causa della “pericolosità di un inquilino del condominio”, ma sia assessore che sindaco smentiscono. “Abbiamo cercato in ogni modo di risolvere questa questione ma non c’è stato verso”, affermano i rappresentanti comunali. “Con le situazioni di difficoltà che ci sono non ci possiamo permettere scuse come quelle che abbiamo sentito”.

Ora il contratto è stato stracciato, il ragazzo escluso dalla graduatoria e la casa assegnata a un’altra famiglia bisognosa, la prima in graduatoria dopo il giovane.

Lascia un commento

Giada Trincanato
Giada Trincanato
Un quarto di secolo appena compiuto, figlia del mondo e dell'avventura. Il caos è il mio regno, come lo sono uno scoglio sul mare e uno stadio gremito. Mangiatrice di libri e viaggi, sognatrice a tempo pieno. Fantastico ancora di poter vivere di pura scrittura, sempre con un biglietto in mano e una vita da raccontare.
- Advertisment -

Da leggere

Incidente con cinghiale, come ottenere il risarcimento dei danni

Capita sempre più frequentemente di trovare dei cinghiali sulle strade del bacino dei Colli Euganei. La presenza di questi animali selvatici all’interno della carreggiata,...
bar-footer
bar-footer