domenica 13 Ottobre 2019
Home Territorio Bassa Padovana Il mondo dell'aviazione trova casa a Bagnoli

Il mondo dell’aviazione trova casa a Bagnoli

A Bagnoli di Sopra si lavora per la realizzazione di un nuovo polo dedicato all'aviazione: al via mostre, incontri e percorsi formativi

BAGNOLI. Le rotte europee e italiane del traffico aereo passano per un piccolo paese della Bassa Padovana, immerso nella campagna, che si appresta a diventare polo di attrazione per molti equipaggi. Il suo nome è Bagnoli di Sopra e dal 2014 coltiva questo grande sogno a ritmo di progetti e lavori, tutt’ora in corso.

Già nel lontano 2009 nei territori del Dominio in località Bagnoletto – a pochi passi da Olmo – ha visto la luce un’aviosuperficie con pista in erba di 1200 metri di lunghezza per velivoli ultraleggeri ed Ag (aria-terra) fino a 5700 kg di peso. La pista, autorizzata dall’Enac, supera per dimensioni quella presente a Padova ed è stata finora utilizzata solo come luogo di addestramento con i velivoli dell’aeroporto patavino. Tre anni fa però la svolta. In estate venne presentato un progetto particolarmente curioso e interessante che prevedeva la costruzione di 12 hangar, facili da mimetizzare con il territorio circostante grazie alla colorazione verde, e di uno spazio da destinare ad attività museali e di intrattenimento. A farsi carico di queste idee è stato Andrea Rossetto, esperto di volo e presidente dell’Historical Aircraft Group, che vedeva in quella zona delle potenzialità interessanti da sfruttare.

Il percorso per consacrare la campagna di Bagnoletto al mondo dell’aviazione continua senza sosta e in questi giorni si va completando anche l’elenco delle meraviglie che i visitatori potranno ammirare all’interno del museo storico – l’Hangar 1 – e negli spazi esterni. A Bagnoli troveranno spazio velivoli storici e alianti rari, come l’Aermacchi MB308 del 1948, reso celebre dall’utilizzo fatto dalla Settimana Incom per il telegiornale, o il Cessna O-1 utilizzato dagli americani nella guerra del Vietnam. Grazie alla collaborazione con l’Aeronautica si potrà osservare da vicino anche i mezzi coinvolti negli anni della Guerra Fredda. Accanto agli allestimenti delle mostre, già si lavora anche nell’ambito della formazione grazie ad un corso per piloti di droni che porterà i frequentanti ad essere operatori per Aeromobili a pilotaggio remoto su iniziativa della Cardtech, importante azienda in questo settore.

Una grande occasione per gli appassionati del settore ma anche per chi da sempre è affascinato dal mondo dell’aviazione, oltre che per Bagnoli e per l’intera Bassa Padovana che potrebbe aggiungere con questo nuovo polo un’altra attrazione turistica al suo portfolio già ricco e variegato.

 

Lascia un commento

Riccardo Rocca
Riccardo Rocca
Classe 1996, studente universitario a Padova del corso DAMS. Mi piace raccontare il territorio in cui vivo nelle sue sfaccettature e attraverso le storie di vita quotidiana.
- Advertisment -

Da leggere

Incidente con cinghiale, come ottenere il risarcimento dei danni

Capita sempre più frequentemente di trovare dei cinghiali sulle strade del bacino dei Colli Euganei. La presenza di questi animali selvatici all’interno della carreggiata,...
bar-footer
bar-footer