martedì 10 Dicembre 2019
Home Territorio Bassa Padovana Ex chiesa di Santo Stefano, da fine novembre nuova chiusura

Ex chiesa di Santo Stefano, da fine novembre nuova chiusura

Servirà per consentire ulteriori lavori. L'assessore Mamprin: «Procederemo a lotti per completare il recupero e rendere lo spazio fruibile a tutti in modo costante». Si spera anche nell'arrivo di risorse dal ministero

MONSELICE. A partire dalla fine di novembre l’ex chiesa di Santo Stefano sarà oggetto di nuovi lavori. A confermarlo è l’assessore al Turismo Gianni Mamprin: «L’edificio è stato interessato da un restauro minimale che ha permesso alla cittadinanza di accedervi in via straordinaria – spiega l’assessore – La nostra intenzione è quella di procedere a lotti per completare il recupero e arrivare nel giro di tre o quattro anni a rendere lo spazio fruibile a tutti in modo costante». Domenica scorsa è stata celebrata la momentanea riapertura dell’ex chiesa dopo oltre due secoli, ma molto resta ancora da fare per riconsegnarla all’antico splendore e far sì che possa ospitare regolarmente appuntamenti culturali di prestigio, come auspicato da più parti.

In tempi di vacche magre il nodo principale, manco a dirlo, è quello dei finanziamenti. «Il Comune ha già messo risorse importanti ed è pronto a spenderne ancora – afferma Mamprin – Inoltre speriamo arrivino contributi da qualche privato: l’Art bonus garantisce a chi decide di sostenere economicamente il patrimonio artistico pubblico italiano un credito di imposta pari al 65% dell’importo donato». Buone notizie potrebbero arrivare anche da Roma: lunedì nel corso della sua visita a Monselice per ritirare il premio Opsicella, il ministro della Cultura Franceschini ha promesso di impegnarsi di persona a trovare fondi in favore dell’ex chiesa di Santo Stefano, scelta a inizio anno dai padovani come “luogo del cuore” nell’ambito del sondaggio promosso dal Fai. Quanto alla sicurezza del luogo, Mamprin rassicura: «In occasione di eventi programmati come quello di domenica si può entrare in tutta tranquillità nella chiesa, rispettando il limite delle 99 persone per volta».

Davide Permunian
Davide Permunian
Giornalista pubblicista, collaboro con un quotidiano locale. Amo lo sport, in particolare il calcio e la pallacanestro. Lettore compulsivo di romanzi, scrivo storie che in libreria non vedrete mai e tento di cogliere la poesia nascosta tra le pieghe della vita quotidiana. Mi innamoro davanti a un paesaggio, ma il mio posto nel mondo non l’ho ancora trovato.

Non perderti le ultime notizie e i prossimi eventi. Iscriviti alla newsletter!

RESTA CONNESSO

13,354FansMi piace
1,910FollowerSegui

RICERCA ARTICOLI

  • Categorie

  • Autori