lunedì 16 Dicembre 2019
Home Territorio Bassa Padovana Piove di Sacco, fronte comune in difesa dell'ospedale

Piove di Sacco, fronte comune in difesa dell’ospedale

La politica piovese si unisce intorno all'Immacolata Concezione: no ai tagli al reparto di Pediatria e Ostetricia

PIOVE DI SACCO. Arriva forte e chiaro il messaggio dei politici di Piove di Sacco: Pediatria non si tocca. A salvaguardia del servizio pediatrico dell’Immacolata Concezione scendono in campo tutte le forze politiche rappresentate nel Consiglio comunale. Dal Partito Democratico alla Lega Nord, passando per il Pdl e le liste civiche: nel documento unitario in difesa del Punto nascite e del Reparto di Ostetricia e Pediatria c’è l’assenso di tutti. Obiettivi comuni degli amministratori sono: «il mantenimento del servizio di Pediatria modulato sulle 24 ore, oltre che del punto nascite, ma anche il potenziamento del servizio svolto dall’area infantile a tutto il territorio padovano, sempre secondo le vigenti determinazioni regionali in materia».

Dopo la decisione di Luciano Flor di ridurre la presenza attiva dei pediatri all’ospedale della Saccisica, la comunità – all’unisono – ha fatto sentire la propria voce: «non si condividono queste scelte, tese a ridurre il servizio in essere, che vede 4900 accessi pediatrici presso il nostro Pronto Soccorso; come non si condividono incertezze e ritardi sulla piena esecuzione di quanto previsto nelle attuali schede ospedaliere».

Ferma e decisa la posizione della politica piovese che si schiera attorno all’Immacolata Concezione e non accetta la riduzione della presenza dei pediatri a 12 ore. Il Consiglio comunale, infatti, si dice pronto a prendere «qualsivoglia iniziativa utile per la salvaguardia di quanto previsto nelle schede ospedaliere» mentre il sindaco Davide Gianella ribadisce pubblicamente: «tutto il consiglio comunale, tutte le forze politiche di Piove di Sacco, unitariamente e con voce decisa, sostengono che non possa esserci nessuna diminuzione di servizi per pediatria al fine di potenziare il punto nascite. L’Azienda Ospedaliera deve rispettare quanto previsto dalle schede».

Giada Trincanato
Giada Trincanato
27 anni, comunicatrice di mestiere e sognatrice di fatto. Laureata in Comunicazione prima ed Editoria e Giornalismo poi, lavoro all’interno di un’etichetta discografica. Mi diverto ancora a giocare a pallavolo e seguo un gruppo scalmanato di ragazzini con tanta pazienza e passione. Sebbene la vita mi abbia dirottata più volte verso porti lusofoni, con Estensione voglio contribuire a informare e formare i giovani del nostro territorio.

Non perderti le ultime notizie e i prossimi eventi. Iscriviti alla newsletter!

RESTA CONNESSO

13,351FansMi piace
1,912FollowerSegui

RICERCA ARTICOLI

  • Categorie

  • Autori