Bassa Padovana in ginocchio: chi sbaglia paga

2
101
10250056_573212126110728_7432862502090773759_n
Stadio Augusteo, Este (PD).

Una seconda ondata di maltempo nella notte scorsa ha infierito sulla Bassa Padovana. Sale così a 16 l’elenco dei Comuni colpiti dall’emergenza. Danni pesanti a Monselice, Solesino, Stanghella, Tribano, Pozzonovo, Sant’Elena, Granze, Villa Estense, Este, Ospedaletto Euganeo, Carceri, Vighizzolo d’Este, ma anche a Saletto, Megliadino San Fidenzio, Santa Margherita d’Adige e Ponso. Centinaia gli scantinati allagati, decine e decine le case invase dall’acqua, tante strade chiuse. Forte temporale anche sulla città di Padova, in arrivo dalla Bassa. In pochi minuti il cielo (che era addirittura sereno fino a poche ore prima) si è annuvolato, riempiendosi di nuvole minacciose. Tuoni e pioggia hanno interessato praticamente tutti i quartieri della città.

Noto con molto dispiacere la frustrazione, la rassegnazione, e in alcuni casi la disperazione, di molti miei conoscenti, che in questo momento vivono in situazioni assai dispiacevoli. A chi la colpa? “Alla pioggia, una volta non pioveva così tanto” dicono in molti.

Falso.

La quantità di pioggia non conta, è un dato superfluo. Le cause sono principalmente due: una cementificazione troppo elevata (il cemento a differenza del terreno non assorbe l’acqua) e la mancanza, nei terreni agricoli rimasti, di una rete di scolatura e assorbimento dell’acqua piovana (scoli, fossi e piante, primo fra tutti il salice).

I Comuni hanno approvato dei Piani di Assetto Territoriali (P.A.T) che hanno cementificato terreni, costruendo appartamenti tutt’oggi invenduti, che hanno costretto la cementificazione di scoli e fiumi? Paghiamo ora le conseguenze.

L’agricoltura si è trasformata in una “industria della terra”, che ha portato alla distruzione, per l’appunto, delle reti di scolatura dell’acqua nelle campagne? Paghiamo ora le conseguenze.

Ce ne “sbattevamo” altamente quando tutto ciò succedeva ?
Paghiamo ora le conseguenze.

Politiche ambientali e politiche di urbanizzazione devono andare di pari passo, pena ciò che accade in questo momento. Tra qualche anno saremo ancora qui a fare gli stessi discorsi? Forse, dipende solamente ed esclusivamente da noi, NOI CITTADINI.

Umberto Marsilio

 

 

2 Commenti

  1. Hai veramente ragione … ma ci sono anche molte altre sfumature che sono causa di tutti questi problemi!!

Comments are closed.