ATTUALITA’ – Incroci pericolosi: lo strano caso del semaforo di Via Principe Amedeo

3
161

“Sabato sono passato per di là, c’erano due auto ferme incidentate al solito incrocio…”

Quanti di voi hanno già sentito la frase qui sopra? Probabilmente molti. Come avrete potuto intuire dal titolo, stiamo parlando del tristemente noto semaforo all’incrocio di Via Principe Amedeo (la via che porta dal Ponte delle Grazie alla stazione ferroviaria) con Via Padana Inferiore, teatro di numerosi sinistri stradali negli ultimi tempi: i residenti della zona li quantificano addirittura in “circa uno al mese”. Com’è possibile che in un solo punto si concentrino la maggior parte delle compilazioni di constatazioni amichevoli (nella migliore delle eventualità) del territorio atestino?

Le cause possono essere principalmente due: la distrazione e la sufficienza degli automobilisti provenienti da Via Principe Amedeo, i quali hanno uno stop in entrambe le direzioni, nell’attraversare un incrocio così pericoloso quando il semaforo è spento/lampeggia, oppure… il semaforo stesso, che non è efficiente al cento per cento. Come molti altri, anche questo a tarda notte cessa la sua attività ed inizia a lampeggiare; si risparmia sull’elettricità in un momento della giornata in cui il volume dei veicoli che transitano è decisamente inferiore alle ore diurne. Altri incroci del genere funzionano nella stessa identica maniera e problemi ve ne sono raramente.

Tutto sotto controllo quindi, se non fosse che l’incrocio in questione è decisamente più pericoloso degli altri, essendo un incrocio a quattro vie, uno dei pochi (forse l’unico?) di questo tipo superstite a Este. Come se non bastasse, l’impianto semaforico gioca brutti scherzi anche durante le ore di punta: le vetture ferme in attesa del ‘verde’ ai due stop di Via Principe Amedeo si vedono molto spesso spegnere il semaforo sotto gli occhi, dopo aver aspettato a lungo il via libera. Oltre al danno, la beffa. Perché attraversare l’incrocio, in particolare svoltare a sinistra, a quel punto diventa molto difficile vista la quantità di auto, autocarri e autotreni.  “Se devi girare verso sinistra, a quel punto è meglio se prendi una delle due rotatorie che s’incontrano svoltando sulla destra e fai tutto il giro della rotonda” raccontano gli habitué dell’incrocio, perlopiù pendolari, clienti del supermercato lì vicino o residenti in Via Principe Amedeo. L’alternativa infatti è tentare il passaggio a proprio rischio e pericolo.

Quali sono le soluzioni che possono ovviare al problema? Ripristinare il completo funzionamento del semaforo almeno nelle ore diurne? Creare una di quelle tanto criticate rotatorie, anche se lo spazio a disposizione è poco (forse non sufficiente) e rallentare il traffico lungo la Padana Inferiore può creare seri problemi alla viabilità attuale ma miglioramenti di quella futura? Premesso che contro l’imprudenza degli automobilisti poco si può fare, la pericolosità dell’incrocio con il semaforo lampeggiante è palese e il numero di incidenti è troppo alto per non agire in nessuna maniera, per questo Estensione andrà a parlarne con chi di dovere… l’appuntamento è per le prossime uscite!

 

Giacomo Visentin

3 Commenti

  1. possiamo andarne a parlare con l’assessore ai lavori pubblici e all’urbanistica, sarà felice di confrontarsi con voi su questi punti e di valutare insieme possibili soluzioni. Complimenti ragazzi per questo lavoro che state facendo, è utilissimo per la cittadinanza

  2. Abbiamo già un appuntamento col sindaco e probabilmente anche con l’assessore! Grazie per i complimenti, speriamo di risolvere parecchie situazioni, a volte l’unica soluzione è mettere questi casi ‘alla berlina’.

  3. a volte prima di metterli alla berlina basta “solo” segnalarli a chi ne ha le competenze, io ho sempre trovato grande disponibilità da parte dell’amministrazione. In ogni caso speriamo davvero che risolviate tante situazioni!

Comments are closed.