martedì 19 Febbraio 2019
Home Territorio Bassa Padovana All'ospedale di Monselice è record di donazioni di organi

All’ospedale di Monselice è record di donazioni di organi

L'altruismo di 16 pazienti ha permesso di effettuare 28 trapianti di rene, 2 di cuore, 11 di fegato e 1 di pancreas nel 2017: il "Madre Teresa" entra così nella top 5 regionale

MONSELICE. Il 2017 è stato un anno da record per il “Madre Teresa di Calcutta”, l’ospedale unico della Bassa Padovana: l’altruismo di 16 pazienti ha permesso di effettuare in totale 28 trapianti di rene, 2 di cuore, 11 di fegato e 1 di pancreas, organi destinati agli ospedali di tutta Italia. Ad aver detto sì e ad autorizzare il prelievo sono stati perlopiù anziani o grandi anziani, con un’età media oltre i 70 anni. Nel 2016 i donatori erano stati 6, l’anno prima 7. Da segnalare, poi, i tre donatori di organi nello stesso giorno, caso unico a livello nazionale, che ha sicuramente contributo a far salire la struttura di Monselice al quinto posto per numero di donatori tra gli ospedali del Veneto.

Il distretto dell’ex Ulss 17 resta inoltre ai primi posti regionali per la donazione di tessuti da donatore deceduto con 368 cornee donate, 30 donazioni di tessuto muscolo-scheletrico, 17 di tessuto vascolare, 23 di tessuto cardiaco e 8 di tessuto cutaneo. Il trend positivo è confermato dall’assenza di opposizioni alla donazione di organi e dal mantenimento della percentuale di non opposizione alla donazione di cornee (71%), tessuto muscolo-scheletrico (74%), tessuto cardio-vascolare (72%), tessuto cutaneo (80%). Il distretto risulta essere nel Veneto quello con la più alta percentuale di consensi alla donazione registrati dal Sistema informativo trapianti, pari al 96,9%.

«Donando, anche chi non è padre o madre può trasmettere la vita, gratuitamente e incondizionatamente, bloccando così il fluire della clessidra e capovolgendo destini segnati» ha commentato il direttore generale dell’Ulss 6 Euganea Domenico Scibetta. «Esprimiamo pertanto il nostro più sentito ringraziamento a tutti i donatori e alle loro famiglie che, pur nel dolore più lancinante, hanno permesso il miracolo del trapianto dando prova di grande umanità e senso civico».

Lascia un commento

Giacomo Visentin
Giacomo Visentin
Classe 1992, ho in tasca due lauree, un Erasmus in Portogallo e diverse collaborazioni nel settore della comunicazione, da Cafè Tv 24 al Corriere del Veneto. La mia esperienza più bella rimane Estensione, che ho fondato nel novembre 2012 e di cui sono tuttora direttore editoriale. La politica, i media e lo sport le mie passioni più grandi.
- Advertisment -

Da leggere

Il nuovo romanzo di Luigi Zanetti: «Non si può vivere senza...

- Luigi Zanetti, nei giorni scorsi è uscito “La voce dell’alba”, suo nuovo libro (edizioni Scatole Parlanti) presentato ufficialmente il 2 febbraio a palazzo...
bar-footer
bar-footer