SPORT – Rugby Este: la rivincita degli Arieti

0
176

Immagine

La seconda parte del campionato di C2 degli Arieti è iniziata nel migliore dei modi: il team atestino è riuscito infatti ad imporsi sul Montebelluna Rugby per 7 a 6.
Questa vittoria, anche se risicata, ha permesso agli Arieti di riscattarsi dopo la pesante sconfitta ricevuta all’andata.
I 68 punti subiti la prima giornata di campionato, sentiti dagli Arieti più come un’umiliazione che come una lezione di rugby, hanno fatto nascere nei nostri ragazzi la voglia di riscattarsi, che li ha portati appunto alla vittoria.

Gli Arieti, nei primi minuti di gioco, hanno dovuto gestire una serie di attacchi del Montebelluna che hanno portato, prima all’ammonizione dell’ “apertura” giallorossa, Edoardo Paluello, e poi al vantaggio sempre degli ospiti per 3 a 0, ottenuto grazie alla trasformazione di un calcio di punizione. Poco dopo i nostri Arieti raggiungono il vantaggio: si spingono dentro i “22 metri” avversari, ottengono un calcio di punizione e il pilone Marco Spiandorello, spazzando via la difesa avversaria si tuffa in meta. Il calcio di trasformazione viene messo a segno dal numero 13, Federico Ongaro: Arieti 7-Montebelluna 3.
La partita continua in equilibrio, vedendo più volte la possibilità per entrambe le squadre di segnare. I nostri Arieti riescono a difendere egregiamente, non concedendo nulla agli avversari, ma commettendo anche vari errori individuali.
Il Montebelluna all’inizio del secondo tempo ottiene un altro calcio di punizione, lo trasforma e accorcia le distanze, portandosi sul 7 a 6. Gli errori visti nel primo tempo si ripetono anche nel secondo, precludendo in un paio di situazioni anche la meta ai
nostri Arieti. Il Montebelluna negli ultimi dieci minuti di gioco cerca più volte la meta, ma venendo ripetutamente respinta dalla difesa giallorossa.
La partita termina sul risultato di 7 a 6.

Finalmente, dopo troppo tempo, una meritata domenica di festa per i nostri Arieti, che così vedono prendere forma i numerosi sforzi sostenuti in questi mesi.

Davide Grigatti