Pattinaggio, tre medaglie per la scuola di Maserà ai Mondiali in Colombia

500

Grandi soddisfazioni per la Rollclub Scuola di Pattinaggio di Maserà, che ha visto ben tre dei suoi atleti arrivare sul podio ai mondiali di artistico su rotelle a Cali, in Colombia. A vincere la medaglia d’oro è stata la diciottenne Sara Zaggia che, superando la portoghese Ana Walgode e l’azzurra Martina Camana, è diventata campionessa mondiale nella categoria Junior. Medaglia d’argento per Nicola Marenda che, al suo primo mondiale, è risultato secondo solo al fortissimo portoghese Josè Souto. Nella categoria Senior, a completare il podio la medaglia di bronzo conquistata dal campione Daniel Morandin, atleta e anche coreografo.

campioni pattinaggio 2
(Da sinistra il presidente Sandro Morandin, i campioni Nicola Marenda, Sara Zaggia, Daniel Morandin e l’allenatrice Ezia Signorini)

Partiti per la Colombia il 14 Settembre e tornati a fine mese, abbiamo voluto intervistare i giovani campioni Sara e Nicola, che hanno gareggiato nella specialità Solo dance, che prevede si pattini singolarmente attraverso tre manches: danza obbligatoria, danza originale, danza libera.

Da quanti anni pratichi il pattinaggio su rotelle e quanti allenamenti fai a settimana?
Sara: Ho iniziato a otto anni e mi alleno, per due ore, quasi ogni giorno.
Nicola: Pattino da quando ho quattro anni perciò è da quattordici anni che mi alleno. Facciamo sei allenamenti a settimana, in pratica tutti i giorni a parte la domenica.

Nicola, tu studi all’Istituto Tecnico Calvi di Padova. Come riesci a gestire il tempo tra scuola e allenamenti?
Quest’anno ho trovato dei professori molto aperti e disponibili che non mi hanno fatto pesare il fatto che facessi uno sport impegnativo. Mi hanno aiutato dandomi il tempo e il modo di recuperare, senza problemi.

Nicola, essere un campione di pattinaggio è un sogno che avevi nel cassetto fin da piccolo? Arrivare sul podio ai mondiali è stato un risultato atteso o inaspettato?
Quand’ero più piccolo pattinare era un passatempo, mentre ora è un impegno che ho preso seriamente. Il mio obiettivo dell’anno era arrivare ai mondiali, per questo sono andato lì con la volontà di fare del mio meglio ma non mi aspettavo di arrivare sul podio. L’argento in Colombia è stato un sogno che sono riuscito a realizzare grazie agli allenatori e ai miei genitori che mi hanno supportato.

Come si arriva a gareggiare ai Campionati del mondo?
Nicola: I primi classificati ai Campionati Italiani accedono in modo diretto. Io e Sara invece, dopo questa gara nazionale, siamo stati convocati ai Campionati Europei di Ponte di Legno a Brescia, nei quali io sono arrivato secondo e lei terza.

Sara, l’anno scorso sei arrivata terza ai mondiali di Reus in Spagna. Che emozione hai provato nel fare un secondo mondiale? Che aspettative avevi?
Quest’anno avevo meno paura dell’anno scorso, perché ero in categoria con pattinatrici un anno più piccole, ma sapevo di dover sfidare le portoghesi che sono atlete bravissime. Per questo motivo sono partita con il presupposto di pattinare al meglio anche senza l’obiettivo di vincere. Dopo aver fatto le due danze obbligatorie ho visto che mi ero classificata bene ma temevo per il libero (l’esibizione nella quale il tema, la musica e la coreografia sono liberi NdR) perché anche la mia rivale portoghese aveva preso il punteggio massimo.

L’anno prossimo i Campionati del Mondo di pattinaggio si disputeranno a Novara, quali sono i vostri obiettivi?
Nicola: Io resto nella stessa categoria quindi spero di migliorarmi e di portare a casa un risultato maggiore.                                                                                                                       Sara: Io passo alla categoria Solo Dance Senior quindi il mio obiettivo è quello di andare almeno agli Europei. Dovrò gareggiare con atlete che hanno più esperienza di me come Silvia Stibilj (ventiduenne triestina, che ai mondiali di quest’anno si è classificata prima in questa categoria NdR).

I video delle esibizioni sono visibili sul sito www.skatingidea.org oppure cliccando sui seguenti link:

Solo Dance Junior di Sara Zaggia

Solo Dance Junior di Nicola Marenda

Solo Dance Senior di Daniel Morandin

Salva Articolo

Lascia un commento