Nuoto sincronizzato e judo: domenica di grande sport a Este

All'ombra della Porta Vecchia ci si prepara a ospitare il 1° Memorial "Chiara Gemmo" e il 6° Trofeo “Città di Este”. In arrivo atleti da diverse parti d'Italia

1906

ESTE. Una domenica all’insegna dello sport quella che ci si appresta a vivere domenica 2 aprile all’ombra della Porta Vecchia. Oltre ai consueti incontri in programma nei vari campionati di calcio, pallavolo, basket, rugby e chi ne ha più ne metta, si terranno due importanti manifestazioni dedicate a discipline meno note al grande pubblico: il nuoto sincronizzato e il judo.

A partire dalle ore 10, la piscina comunale ospiterà il 1° Memorial “Chiara Gemmo”, nel quale si confronteranno squadre provenienti da varie parti d’Italia. L’evento, organizzato dal Team Euganeo e patrocinato dalla Federazione Italiana Nuoto e dal Comune di Este, è nato per onorare la giovane scomparsa a soli 26 anni in un tragico incidente mentre si trovava in Bolivia per partecipare a una campagna di sensibilizzazione sul tema delle donazioni di sangue in America Latina. Chiara si era diplomata al liceo “G.B. Ferrari” e, dopo aver conseguito la laurea in scienze farmaceutiche all’Università di Ferrara, era impegnata nel dottorato di ricerca nel campo delle scienze biomediche e biotecnologiche. Durante la giornata ci sarà spazio per la solidarietà: i ricavi delle vendite della t-shirt dell’evento saranno devoluti al Dipartimento di Scienze della Vita e Biotecnologie dell’Università di Ferrara. L’impegno è di continuare il lavoro di Chiara sulla ricerca e identificazione di nuove molecole per la cura della talassemia. In via dello Stadio sono attese squadre da varie parti d’Italia.

Il 6° Trofeo di Judo “Città di Este”, organizzato dall’associazione sportiva Kodokan Judo con il patrocinio del Comune atestino, in collaborazione con l’associazione sportiva nazionale Ji Ta Kyo Ei – Scuola di Judo e Ju Jitzu – e l’ente di promozione sportiva Csen Veneto, comincerà alle ore 9 al PalaEste, in via Baden Powell. Si tratta di una manifestazione interregionale che vedrà cimentarsi su tre distinti tatami  atleti di tutte le età, partendo dai bambini di cinque anni fino agli adulti, suddivisi in categorie di peso e di livello agonistico. Hanno dato l’adesione, ad oggi, già 15 palestre provenienti dal Veneto, dal Trentino e dall’Emilia per un totale di 165 judoka iscritti. Questa arte marziale di origini giapponesi è presente in città dagli inizi degli anni ’70 grazie alla passione di un gruppo di volontari.

Salva Articolo

Lascia un commento