Diluvio e proteste fermano Este e Liventina sullo 0-0

Gli atestini falliscono l'opportunità di avvicinarsi all'Arzignano e rimangono saldi al quarto posto. Il duluvio ha limitato il gioco, ma i padroni di casa lamentano un rigore a favore

249
Foto di Lisa Mazzucato

ESTE. Il diluvio non ferma la partita, ma è l’Este a non proseguire la striscia positiva: la sfida con la Liventina poteva sembrare facile, eppure si resta sullo 0-0. Con la sconfitta del Mantova sul campo dell’Arzignano, una vittoria degli atestini avrebbe permesso di allungare sui virgiliani a +3.

La partita. Le condizioni del campo non favoriscono grandi azioni e il primo guizzo arriva solo al 13′ quando Furlan va alla conclusione impegnando Lorello; i veneziani sono ben piazzati in difesa e i padroni di casa faticano ad avanzare in area. Ci prova Pozza, che dalla sinistra mette al centro per Florian, anticipato però da Mestre che azzecca la tempistica. Intorno alla mezz’ora ancora Furlan conclude dalla tre quarti, ma il numero 1 avversario blocca tutto. L’ultimo spunto rilevante arriva dai piedi di Florian intorno al 35′: il tiro è notevole, ma va di poco oltre il palo.

Nella ripresa la formazione atestina riparte con la voglia di cambiare la sorte del match e infatti Florian ci prova dopo soli 2′, ma Carcuro ci mette il piede e devia il tiro; continua il forcing giallorosso e sugli sviluppi di una serie di corner Pozza sfiora il vantaggio per ben due volte, prima di testa e poi in rovesciata. I biancoverdi non stanno certo a guardare e intorno all’8′ Furlan si trova a tu per tu con Lorello e va alla conclusione, ma l’estremo Lorello riesce a deviare sul palo e il vento impedisce alla sfera di oltrepassare la linea di porta. Anche il portiere avversario non è da meno, infatti salva il risultato impedendo il vantaggio giallorosso prima a Bigoni (15′) e poi a Rondon qualche minuto dopo su punizione dalla distanza. L’episodio clou arriva intorno al 37′: Florian riceve da Bigoni e in area riesce a smarcarsi da un avversario, il quale però riesce ad atterrarlo per impedirgli la conclusione. Il direttore di gara, pur essendo a distanza ravvicinata, non fischia il penalty e provoca le conseguenti proteste dei padroni di casa, culminate con l’espulsione di alcuni dirigenti in panchina. Nei minuti finali i padroni di casa restano in dieci per l’espulsione, per doppia ammonizione, di Boron. Il match termina quindi sullo 0-0.

Tabellino Este-Liventina 0-0
Este: Lorello, Ostojic, Munaretto, Ferrando, Gilli (12′ s.t. Boron), Viviani (12′ s.t. Faggin), Pozza, Pizzolato, Rondon, Fioretti (12′ s.t. Bigoni), Florian. A disp.: Toffano, Serafin, Tresoldi, Tomasini, Cassandro, Dei Poli. All. Florindo.
Liventina: Peresson, Pastrello, Campaner, Zamuner, Mestre, Soncin, Carcuro (33′ s.t. Cofini), Sutto (46′ s.t. Cescon), Cassin (15’s.t. Gobbato), Florean (21′ s.t. Fabbro), Furlan. A disp.: Battistella, Gullo, Granzotto, Scantanburlo, Franzin. All. Dorigo.
Arbitro: Bozzetto di Bergamo.
Note: Ammoniti Viviani (E), Sutto (L), Gilli (E), Pastrello (L), Carcuro (L), Bigoni (E), Rondon (E), Florian (E). Espulso Boron per doppia ammonizione (E). Recuperi 0′ e 5′.

Risultati 27^ giornata-Serie D, girone C: Adriese-Legnago Salus 0-1, Ambrosiana-Abano 1-0, Arzignano Valchiampo-Mantova 2-1, Cjarlins Muzane-Montebelluna 2-1, Clodiense Chioggia-Belluno 0-1, Este-Liventina 0-0, Tamai-Virtus Vecomp Verona 1-2, Feltre-Delta Porto Tolle 2-1. Classifica: Virtus Vecomp Verona 55, Campodarsego 54, Arzignano Valchiampo 53, Este 48, Mantova 47, Union Feltre 44, Adriese 42, Belluno 41, Delta Porto Tolle 38, Legnago Salus 35, Cjarlins Muzane 33, Ambrosiana 32, Clodiense Chioggia 30, Tamai 29, Liventina e Montebelluna 24, Calvi Noale 23, Abano 16.

Salva Articolo

Lascia un commento