sabato 7 Dicembre 2019
Home Sport Calcio Calcio Redentore: Redentore C5, intervista a Mister Vettori; in Seconda Categoria il...

Calcio Redentore: Redentore C5, intervista a Mister Vettori; in Seconda Categoria il Redentore cade ad Arre nell’andata dei playout

redentore

Nell’andata dei playout, il Redentore cade 1-0 in trasferta sul campo del Ciaobio Arre. Ai ragazzi biancorossi servirà una vittoria con un gol di scarto per artigliare la permanenza in Seconda Categoria, vista la miglior posizione in classifica al termine del campionato. L’appuntamento con l’impresa è fissato per domenica 26 maggio alle 16.30, al campo del Patronato Redentore.

redentorec5
Mister Stefano Vettori (in ultima fila, il primo da sinistra) con la sua squadra al termine della vittoriosa finale playoff contro la Gregorense, che ha sancito la promozione in C2 per il Redentore.

Abbiamo intervistato il mister che ha guidato il Redentore C5 a una storica promozione in serie C2. Stefano Vettori c’ha accolto nella sua casa atestina, svelandoci i segreti e i retroscena dell’impresa oronera.

Buonasera mister. Com’è essere in C2?

“Buonasera, sicuramente è una bella soddisfazione. Penso la squadra si sia ampiamente meritata questo risultato per l’impegno e la dedizione profusi. E comunque dammi pure del tu.”

Sono vere le voci che vorrebbero il Redentore intenzionato a vendere il titolo e a ripetere così la serie D?

“Queste voci sono infondate, in quanto da regolamento federale è vietata la vendita del titolo.”

All’inizio della stagione avresti mai pensato di arrivare alla promozione? Qual’era l’obiettivo fissato a inizio anno?

“Sinceramente no, in quanto l’obiettivo, deciso con la dirigenza a inizio stagione, era di formare una squadra che potesse fare un campionato dignitoso, da metà classifica tanto per intenderci. L’organico era ed è formato principalmente da giovani alla prima esperienza nel calcio a 5. Era quindi importante creare un gruppo che potesse dare garanzie per gli anni successivi; il progetto è di mantenere la squadra nel calcio a 5 il più possibile, in modo così da poter gettare le basi per un eventuale settore giovanile.”

Vista la serie iniziale di partite senza vittorie , a che punto della stagione hai cominciato a credere nei playoff e successivamente nella promozione in C2?

“Dopo le prime partite senza vittorie si era creato un po’ di pessimismo nell’ambiente. Si usciva dai primi tempi di ogni partita con il risultato a nostro favore, e questo dimostrava che il livello tecnico della squadra non era scadente, finendo poi per essere superati nelle riprese. Dopo il pareggio molto sofferto in trasferta contro il Noventa Vicentina, squadra a mio avviso molto competitiva e formata da ottimi giovani elementi, ho cominciato a pensare che si poteva benissimo puntare ai playoff, e così è stato.”

Qual è il punto di forza di questa squadra? Ci saranno nuovi arrivi nel mercato estivo o la rosa a tua disposizione è all’altezza per la C2?

“Il punto di forza è il giusto mix tra giocatori esperti e di qualità, come i vari Corrado “Coca” Lisiero, Carlo Moretti, Dario Fornasiero, Gianluca De Marchi e Andrea Gallo, un grande portiere come Daniele Trivellato, uno dei migliori in circolazione, e un gruppo di giovani molto promettenti. Alcuni di loro li ho già allenati nel calcio a 11 e sono convinto avranno un grande futuro nella nostra squadra. Per quanto riguarda la campagna acquisti, al momento stiamo cercando di rinforzare la rosa con qualche elemento di spessore che possa aiutarci nello svolgimento della prossima stagione nella categoria superiore: ci sono già stati i primi contatti. Il tutto senza però tralasciare la crescita dei nostri giovani.”

Ha trovato qualche difficoltà ad allenare questo gruppo?

“Il lavoro più difficile è stato quello psicologico, ovvero quello di ricercare in ogni giocatore la fiducia in sé stessi e la motivazione che, con l’andamento positivo della stagione, sono cresciute fino al livello altissimo che ci ha portato alla promozione. Indubbiamente non va tralasciato l’importante lavoro tecnico-tattico che ho dovuto improntare alla squadra, visto che per molti era il primo anno nel mondo del calcetto. In tutto questo sono stato sostenuto dal valido e costante aiuto di Corrado Lisiero, conoscitore di schemi e tattiche: conoscenza che ha accumulato nell’esperienza di anni di calcio a 5 in categorie superiori.

Voglio quindi ringraziare tutti i miei giocatori per la bella esperienza vissuta. Un plauso particolare va fatto al dirigente “tuttofare” Eros Scotton, che nella promozione ha lo stesso merito dei giocatori, per l’impegno profuso dentro e fuori dal campo. Ringrazio inoltre per l’aiuto e per il sostegno Alberto Ferro e Giuliano Mistrello. Un ultimo ringraziamento va fatto ad Estensione, per averci seguito in questa stagione esaltante.”

Giacomo Visentin (si ringrazia per la collaborazione fondamentale Matteo Vettori)

Estensione
Estensione
Il laboratorio giovanile di informazione, formazione e azione della Bassa Padovana.

Non perderti le ultime notizie e i prossimi eventi. Iscriviti alla newsletter!

RESTA CONNESSO

13,359FansMi piace
1,905FollowerSegui

RICERCA ARTICOLI

  • Categorie

  • Autori