Calcio Redentore: cecchino Cornacchione, Poiana abbattuto. Il Redentore esce dalla zona playout

0
150

redentore

Incredibile, ma Redentore-Spes Poiana si è giocata per davvero. Infatti, dopo tanti rinvii dovuti al maltempo, la partita (valida per il recupero della nona giornata del campionato di Seconda Categoria, Girone I) è andata in scena sul campo del Patronato Redentore, relegando una vittoria di misura ai padroni di casa e certificando il momento positivo della formazione di mister Fabio Vendramin (coadiuvato dal sempre presente Federico Battistella). La sfida sin dall’avvio non mostra il divario di otto punti presente in classifica: il Redentore parte forte, con una bella azione corale che permette a Carlo Costantini di trovarsi davanti alla porta. La punta spreca però l’occasione, tirando praticamente tra le braccia del portiere. Pochi minuti dopo l’attaccante cresciuto nella ‘cantera’ del Redentore ha l’occasione per rifarsi: sponda da vero numero 9 su Renato Cornacchione che salta un uomo, entra in area e con un pregevole cucchiaio infila il numero 1 avversario, facendo esplodere i sempre presenti tifosi atestini. Per la prima volta in stagione il Redentore si porta in vantaggio e non deve rincorrere. Il Poiana non ci sta e va vicino al pareggio con la conclusione da lontano del proprio numero 10, ma il portiere di casa, Elia Alberti, con una parata d’altri tempi allontana il pericolo e salvaguarda il vantaggio. Fine primo tempo e tè caldo per tutti. Nella ripresa si gioca più con la grinta che con le idee, come spesso accade nei match di questa categoria. Il gioco latita, e i due allenatori danno il via alle classiche girandole di sostituzioni per spostare gli equilibri: nel Redentore, al quarto d’ora della ripresa dentro Raffaele Bisello al posto del giovane Massimo Brocco; più tardi sarà la volta di un altro giovane ex-Quadrifoglio, Simone Buson, prendere il posto di Giacomo Parolo; infine, forze fresche anche in attacco per i padroni di casa, con Marco Maron che rimpiazza l’ottimo Carlo Costantini, autore di una buona prova impreziosita dall’assist per il goal decisivo. La formazione vicentina spinge sull’acceleratore nel tentativo di colmare il distacco nel punteggio, il fortino del Redentore resiste, lottando e ripartendo. Il colpo del ko capita sui piedi di Francesco Nicolini che fallisce una buona occasione, stremato dalla stanchezza; poi altra bell’azione orizzontale, da sinistra a destra, che trova impreparata la retroguardia del Poiana con Buson che tira di poco alto. Non c’è più tempo, la gara finisce 1 a 0: 4 punti e 0 goal subiti nelle ultime due giornate per il Redentore, che sale all’undicesimo posto a quota 13 punti, con lo Spes Poiana fermo a 18. La zona playout è poco più sotto, ma dopo un periodo di partite affrontate con la giusta mentalità senza però ottenere risultati positivi, i biancorossi sembrano aver trovato il bandolo della matassa per una salvezza faticosa ma possibile. La nuova impenetrabilità della difesa è coincisa con l’arrivo di Martino Bovo, bravo ed esperto difensore proveniente dall’Atheste Padovana, formazione di Prima Categoria. Prossimo appuntamento domenica 13 gennaio alle ore 14.30 sempre al Patronato Redentore per il recupero della tredicesima giornata contro il Due Monti Abano.

Le giovanili del Redentore e il Calcio a 5 sono fermi per la pausa invernale. Le gare riprenderanno questo fine settimana.

Giacomo Visentin