SPORT – Calcio Redentore: arbitraggio scandaloso condanna la Seconda Categoria, trasferta amara per il Redentore C5

0
145

Seconda Categoria Redentore

Nella settima giornata del girone M di Seconda Categoria il Redentore Calcio viene sconfitto in casa per 4-0 dal Sossano con la forte partecipazione del direttore di gara che, con due molto dubbie decisioni, lascia gli atestini in nove contro undici. Per questa partita Mister Battistella recupera il portierone Alberti Elia e lancia dal primo minuto l’ultimo acquisto Saggese Riccardo (che, dopo la lunga esperienza alla Rocca Monselice, è tornato nella squadra con cui ha mosso i primi passi da calciatore) come esterno di sinistra del 4-4-2. Inizia la partita e le due squadre cominciano a studiarsi senza però creare pericoli ai due portieri. Al quarto d’ora, però, ecco l’episodio che cambia la partita: mentre si sta aspettando che venga battuta una punizione in area di rigore un giocatore del Sossano marcato da Bisello Raffaele cade. L’arbitro inspiegabilmente prima espelle il centrocampista del Redentore e poi nello stupore generale concede il rigore quando l’articolo 14 del Regolamento del Giuoco del Calcio è tassativo sul fatto che il calcio di rigore ”viene accordato contro la squadra che commette, all’interno della propria area di rigore e MENTRE IL PALLONE E’ IN GIOCO, una delle dieci infrazioni punibili con un calcio di punizione diretto”. Evidentemente quando spiegavano questo articolo l’odierno arbitro dormiva o era assente e, nonostante glielo si faccia notare, non ritorna nelle sue decisioni e lascia battere il rigore. Ma il Sossano non sfrutta l’occasione facendosi parare il rigore dal portierone Alberti Elia. Prima della fine una buona occasione per ambo le parti ma il risultato non si schioda dallo 0-0. La ripresa si apre sotto una pioggia scrosciante e il Sossano comincia a sfruttare l’uomo in più facendosi prepotentemente sotto e portandosi in vantaggio poco dopo il decimo minuto: 1-0. Pochi minuti più tardi l’arbitro non contento del madornale errore del primo tempo decide di incrementare in negativo la sua prestazione sventolando davanti a Ramponi il rosso diretto per un intervento in scivolata, a suo avviso, troppo irruento sull’avversario. Il Redentore costretto in nove non riesce a contrastare gli avversari in modo efficace e a un quarto d’ora dalla fine subisce il 2-0 su azione personale dell’attaccante del Sossano che, saltato con un bel dribbling il difensore Costantini Alessandro, insacca alle spalle del portierone Alberti. Cinque minuti più tardi, con gli atestini protesi in avanti per cercare il gol, arriva il 3-0 su contropiede e, a tre minuti dalla fine, il definitivo 4-0 sempre su azione di contropiede. Al Redentore non rimane che dimenticare questa sconfitta e concentrarsi sul prossimo delicato impegno al Patronato S. Antonio di Montecchio Maggiore contro il San Vitale 1995 domenica 27 Ottobre alle 15:30.

redentorec5

Il Redentore C5, al palasport di Liettoli, cade per 7-3 contro l’Arzergrande. La partita sembra mettersi bene per gli uomini di Mister Vettori che vanno in vantaggio poco prima del decimo minuto del primo tempo con il gol del bomber e capitano Fornasiero che lo mantiene in testa alla classifica marcatori con undici reti: 1-0. Ma la squadra di casa si dimostra molto tosta e ben messa in campo e cinque minuti dopo riesce, nel giro di due minuti, a ribaltare l’iniziale svantaggio: 2-1. Il Redentore, però, riesce a raggiungere il 2-2, su schema da calcio d’angolo, con un bel tiro del “cigno” De Marchi che trafigge il portiere. Il primo tempo non regala più alcuna emozione e finisce in pareggio: ma nessuno sa che è solo la calma prima della tempesta. Infatti passano solo pochi minuti e l’Arzergrande in una manciata di minuti prima si riporta in vantaggio (3-2) e poi con troppa facilità riesce ad allungare sul 4-2. Gli atestini, frastornati, non riescono a reagire e al ventesimo vengono mandati al tappeto con due gol a distanza di neanche un minuto: 6-2. Mister Vettori prova con una serie di sostituzioni a risollevare la squadra che però si fa infilare ancora subendo il 7-2. Nei minuti finali arriva il 7-3 atestino con il primo gol di Piva Carlo che entrato da poco finalizza una bella azione di contropiede. La partita finisce così con una brutta sconfitta per il Redentore che però deve subito risollevarsi perché il prossimo incontro è alle porte: infatti Mercoledì 23 Ottobre alle 21:30 la formazione atestina sarà impegnata in casa nella prima partita di Coppa Veneto contro l’RTE Piove di Sacco. Venerdì 25 Ottobre invece andrà in scena sempre al Paleste l’ottava giornata di campionato che li vedrà opporsi al PSN Sport.

Matteo Vettori