Redentore, per Seconda Categoria e C5 due ko che sanno di retrocessione

0
158

Seconda Categoria Redentore

0-4. La nettissima debacle interna suona come una sentenza per il Redentore Calcio, impegnato nel campionato regionale di Seconda Categoria, girone M. Il Torreglia stravince meritatamente lo scontro salvezza e spedisce i biancorossi a -5 dall’ultima piazza che vale i playout, quella occupata proprio dalla formazione torregliana. Eppure l’undici titolare scelto da mister Federico Battistella aveva azzeccato l’approccio alla partita, contenendo i rossoblù nella propria metà campo e creando alcune buone occasioni con Saggese, particolarmente ispirato nella nuova posizione di esterno destro ma poco “cattivo” dentro l’area. Alla mezz’ora dormita collettiva del reparto arretrato biancorosso, sponda aerea e conclusione sottoporta facile dell’attaccante del Torreglia. Il tempo e i mezzi per recuperare lo svantaggio ci sarebbero, ma poco dopo capitan Costanzo reagisce in maniera brutale quando il direttore di gara non gli concede un rigore solare: volano parole grosse e l’arbitro è costretto a sventolargli il rosso in faccia. Nella ripresa il Redentore è costretto a tentare la duplice impresa: segnare due gol, e farlo con un uomo in meno. Per raggiungere l’obiettivo mister Battistella passa alla difesa a 3, concedendo ampi spazi alle micidiali ripartenze ospiti. Il 2-0 arriva dal dischetto del rigore dopo un fallo di Lazzara, la terza rete è degna di Mai Dire Gol con pasticcio finale di Visentin, il poker arriva quasi sul suono della sirena quando la partita è morta da un pezzo. L’arbitro, compassionevole, non concede recupero.

La classifica, a sole tre giornate dal termine, parla chiaro: Torreglia, penultimo con 13 punti, e Redentore fermo a 8. Anche il calendario è avverso alle sorti biancorosse: il campionato si chiude con il complicatissimo trio Cervarese-Altavilla-Quadrifoglio, rispettivamente seconda, sesta e terza in graduatoria. Per la società di Viale Fiume è forse giunto il momento di cominciare a programmare il futuro, un futuro che quasi certamente vedrà il Redentore nuovamente in Terza Categoria, dopo una felice parentesi di due stagioni.

redentorec5

Anche i cugini del calcetto sembrano salutare con il fazzoletto in mano il treno promozione che se ne va: decisiva la sconfitta a Taggì di venerdì scorso, 6-3 contro la Villafranchese, team carrarmato dello scorso anno in serie D e ancora in lotta per un posto nei playoff. Per il Redentore doppietta di Marco Zanetti e rete di Riccardo Scapin. La Gregorense, che coabitava con gli atestini a 24 punti, ha espugnato il campo dell’RTE Piove di Sacco, distanziando i rivali di tre punti, a una sola giornata dal termine. Proprio i piovesi saranno i rivali del Redentore nell’ultimo turno di campionato, in programma questa sera al Paleste (calcio d’inizio alle 21.30). Contemporaneamente, la Gregorense affronterà su suolo amico il Flaminia, formazione undicesima e da poco aritmeticamente salva. Difficile prevedere una sconfitta dei patavini, ai quali basta un punto per raggiungere l’obiettivo playout. Il Redentore deve vincere e sperare, con un orecchio teso alle news che arriveranno da Padova.

Giacomo Visentin (ha collaborato Matteo Vettori)