Nuovo ko per il Redentore Calcio nella sfida salvezza col Poiana. Città di Mestre troppo forte, Redentore C5 al tappeto

0
135

Seconda Categoria Redentore

Inizia male il trittico di importanti sfide per la salvezza (anche se di salvezza non si tratta ma bensì dei playout) che attende il Redentore Calcio, sconfitto per 2-0 dallo Spes Poiana (una delle concorrenti alla salvezza insieme al Torreglia). Per questo delicato incontro, Mister Battistella (costretto a seguire la gara in una scala dietro la panchina per squalifica) si affida alla vecchia guardia partendo inizialmente con un 4-3-1-2 con Alberti in porta; Lazzara, Tiberto, Capitan Costantini e Marmai in difesa; Brocco, Bisello e Nicolini in centrocampo; e Costanzo dietro le due punte Costantini e Belluco. Gli atestini però vengono liquidati dal Poiana che con un rigore nel primo tempo e una ripartenza letale nel secondo trova la via del gol e si porta a casa i meritati tre punti. Il Redentore infatti nonostante fossero in casa davanti al proprio pubblico non riescono quasi mai ad essere pericolosi e vengono con troppa facilità presi d’assalto dagli ospiti che oltre ai due gol creano numerose altre palle gol che fortunatamente vengono sprecate. Andata in archivio la prima sfida salvezza ora ne rimangono altre due per agganciare il treno playout e schiodarsi dall’ultima piazza occupata ormai da troppo tempo. Occhi puntati quindi sulla prossima giornata che vedrà il Redentore nel campo dei Colli Euganei domenica 30 marzo alle 15.

redentorec5

Il Redentore C5 non se la passa tanto meglio visto che anche per lei lo spettro della retrocessione si sta man mano facendo più concreto e vicino. Nel campo della prima in classifica, Città di Mestre, (con la promozione in C1 già in tasca), gli uomini di Mister Vettori vengono affondati 8-2. Nonostante l’ampio divario tecnico tra le due squadre, gli atestini danno vita a una prova più che dignitosa resa tale dai quattro legni presi e dai numerosi gol sbagliati sotto porta. I padroni di casa del Città di Mestre però sono un osso duro e impongono il loro gioco e chiudono il primo tempo sul 4-2 concedendo poco al Redentore. Nel secondo tempo il copione è lo stesso con il Città di Mestre padrone del gioco e il Redentore costretto in difesa pronto a sfruttare le ripartenze quasi mai incisive visto che la partita si chiude con il pesante passivo di 8-2. Dimenticata la sconfitta, la testa va alla sfida di venerdì 28 marzo ore 21:30 che vedrà arrivare al Paleste il Flaminia con un orecchio puntato alla sfida tra Gregorense – Mirano al Pozzo e Bissuola – PSN. Infatti il Redentore occupa momentaneamente la terzultima posizione (che vale la retrocessione diretta) distaccato dalla quartultima (valevole per i playout e occupata dalla Gregorense) di soli tre punti e dalla quintultima (che garantisce la salvezza e occupata dal Bissuola) di sette punti. E a tre giornate dalla fine con impegni alla portata il Redentore può ancora sperare.

Matteo Vettori