Il Redentore Calcio saluta la Seconda Categoria, work in progress per il Redentore C5

0
170

Seconda Categoria Redentore
Alla fine anche per il Redentore Calcio, come i cugini del calcio a 5, arriva la retrocessione che li condanna a dover fare armi e bagagli e tornarsene in Terza Categoria dopo due anni di Seconda. La cosa era nell’aria già da diverse giornate aiutata dal fatto che da due mesi a questa parte, come rimarcato anche nell’intervista dal Mister, molti elementi della rosa hanno iniziato a tirare i remi in barca e la scarsità di punti totalizzati in questa stagione. E anche nelle ultime due giornate di campionato sono arrivate due sconfitte ( tutte e due per 4-1) che hanno così spazzato via le speranze di chiudere dignitosamente la travagliata stagione. Delle partite c’è poco da dire visto che gli avversari sono risultati troppo forti per gli uomini di Mister Battistella che, pur facendo esordire qualche giovane promettente, non sono riusciti a vincere contro Altavilla (la cui partita, causa pioggia, è stata rimandata e giocata sul campo neutro di Galzignano giovedì 1 Maggio) e Quadrifoglio. Se non altro dopo sette partite è stata trovata la via del gol, anche se inutile ai fini del risultato: le marcature vedono i nomi di Travain Marco su rigore contro l’Altavilla e Costantini Carlo, su papera del portiere, contro il Quadrifoglio. Adesso che il “rompete le righe” è arrivato è tempo di bilanci di una stagione che vede retrocedere il Redentore con soli 8 punti in 30 partite generati da una sola vittoria, cinque pareggi e da ben ventiquattro sconfitte; inoltre i ventitré gol fatti e i 93 subiti hanno fatto degli atestini il peggiore attacco e la peggiore difesa. Insomma una vera e propria stagione fallimentare che deve servire di lezione ai fini di programmare al meglio la prossima. I piani della società non sono ancora noti ma lo saranno presto e fino ad allora si può solo sperare che siano improntati sul ritorno in Seconda Categoria.
redentorec5
Il Redentore C5 ha finito da tempo la sua stagione ma sta comunque continuando ad allenarsi per portarsi avanti nel programmare la prossima stagione in serie D perché l’obbiettivo sembra essere chiaro: lottare per ritornare subito in C2. Prossimamente non mancherà un intervista a Mister Vettori e al dirigente Scotton per conoscere da loro i dettagli sulla stagione prossima e per capire cosa è andato storto quest’anno. Intanto però il gruppo sembra aver reagito abbastanza bene alla retrocessione e stia lavorando sodo in vista dell’anno prossimo contando anche in qualche innesto di nuovi giocatori da affiancare al già affiatato e collaudato gruppo creatosi negli ultimi due anni.
Matteo Vettori