Calcio, Serie D: pari-show tra Este e Delta, Lelj al 92′ firma il pirotecnico 3-3

738
(La gioia di Lelj al 92'. Foto gentilmente concessa da www.photoroom.it)
(La gioia di Lelj al 92′. Foto gentilmente concessa da www.photoroom.it)

Una vittoria per tornare immediatamente sui binari giusti, ed evitare deragliamenti irreparabili. Questo quanto chiesto dai tifosi e dalle dirigenze di Este e Delta Porto Tolle Rovigo, giunte allo scontro diretto al termine di una settimana travagliata: la rovinosa sconfitta di domenica scorsa sul campo dell’ultima in classifica, l’Imolese, ha frenato i facili entusiasmi della compagine di mister Zattarin, rea di lasciare troppi punti alle “piccole”. Tira una brutta aria anche in casa polesana, con Tiozzo Peschiero ai ferri corti con la società e a un passo dall’esonero, nonostante il quarto posto a soli due punti dall’Este capolista. Teatro della sfida è il Nuovo Comunale, riparato in tempo per il big match dopo i danni subiti dalla tromba d’aria del 13 ottobre scorso e pieno fino all’orlo, grazie soprattutto alla folta rappresentanza di ultrà rodigini giunti nella Bassa Padovana, ben oltre il centinaio.

Il Delta dà l’impressione di non aver assorbito bene il cambio dall’ora legale a quella solare, così il primo quarto di gara è tutto a tinte giallorosse. Già al 5′ Rubbo, di ritorno dalla squalifica che lo aveva tenuto fuori a Imola, intercetta una palla al limite dell’area e prova un’incursione che viene fermata dalla difesa biancoblù solo dopo qualche imbarazzo iniziale. Poco dopo Rondon da lontano e Lelj di testa tentano timidamente di bucare la porta di Vimercati. Il cambio di modulo deciso da Zattarin, passato dal 4-3-1-2 a un 4-2-3-1 con il trioBeghetto-Rondon-Bicalho dietro all’unica punta Coraini, permette al primo di divenire una spina nel fianco della retroguardia ospite, come in occasione del gol del vantaggio, al 20′: apertura splendida di capitan Lelj per Beghetto, il cross col mancino è un cioccolatino per Rondon che in spaccata, al volo, mette dentro l’1-0. L’esterno scuola Padova prova a ripetersi due minuti più tardi con un altro traversone al bacio, ma Favaro di mestiere non è un attaccante e si vede.

Lo spavento per il possibile colpo del ko scuote il Delta che, con un po’ di fortuna e tanto cinismo, tra il 26′ e il 44′ raddrizza la partita grazie a Laurenti. L’esterno prima vince un rimpallo sulla trequarti, concludendo sul primo palo con una legnata che non lascia scampo a Lorello, poi sfrutta l’assist di Pradolin per bucare nuovamente l’immobile Lorellocon una conclusione aerea millimetrica. Nel mezzo, Rondon di testa ha la possibilità per riallungare, ma Vimercati è attento e in vantaggio al riposo ci vanno, forse non meritatamente, i biancoblù.

A inizio ripresa nessun cambio nelle due formazioni, e lo spettacolo continua. L’assolo di Coraini al 51′ vale la chance per l’Este di riequilibrare l’incontro: l’attaccante giallorosso si fa 40 metri palla al piede e cerca lo sfondamento centrale uno contro cinque. Coraini in qualche modo passa, e Politti non può far altro che stenderlo a pochi metri dalla porta. L’arbitro concede la massima punizione: dal dischetto si presenta Rondon, che replica l’errore di due settimane fa di Beghetto, tirando sulla pista di atletica. Zattarin allora si gioca il tutto per tutto, inserendo Piva, una punta, al posto di Scotton, un difensore. L’atteggiamento offensivo giallorosso viene ripagato sessanta secondi dopo, quando Lelj lancia lungo di prima intenzione per Coraini, scattato probabilmente qualche centimetro in fuorigioco. L’ex Padova supera con un pregevole pallonetto Vimercati in uscita disperata: 2-2. Il numero 1 polesano si rifà qualche attimo più tardi quando salva sulla conclusione potente di Rondon.

La concretezza del Delta si rivede al 79′: Capellupo sradica la palla dai piedi diPiva e salta la difesa giallorossa con un lancio preciso che ha come destinatario l’ex bomber di Lecce e Chievo, Giuseppe Cozzolino. Il bomber napoletano controlla e fulmina Lorello con un diagonale preciso, e corre a esultare sotto la tribuna dei tifosi ospiti. L’Este non si scompone, il Delta invece si chiude a riccio nel tentativo di evitare la beffa finale, che puntualmente arriva al 92′: rimessa lunghissima di Favaro, nella mischia confusionaria la palla finisce sul piede sinistro di capitan Lelj, che di potenza insacca la volée sotto la traversa, per il3-3 finale. Pareggio che sta un po’ stretto all’Este e che vale la perdita della prima posizione del girone, conquistata dal Piacenza, ma la prestazione della squadra è stata decisamente positiva.

Stefano Coraini: “Che gioia il gol. Ora dobbiamo giocare con le piccole come giochiamo con le grandi“. Alberto Rubbo: “C’abbiamo creduto fino alla fine, pareggio meritato, potevamo anche vincerla. I rigori sbagliati sono un caso, il prossimo lo segneremo sicuramente“. Mister Zattarin: “Una delle nostre migliori partite. Dobbiamo essere più cinici, finché non torna Bonazzoli ci affidiamo ai giovani, che stanno facendo molto bene“. Per il Delta, invece, terza partita consecutiva senza vittorie e momentaneo sesto posto. Tiozzo Peschiero è sconsolato: “I ragazzi erano scossi per le mie vicende extracalcistiche. Il gol all’ultimo minuto? Il calcio dà e il calcio toglie“. Domenica l’Este sarà impegnata a Fiorenzuola sul campo della terza in classifica: un altro scontro ad alta quota da non fallire per non perdere il treno targato Piacenza.

Tabellino Este – Delta Porto Tolle Rovigo 3-3 (1-2):

Este (4-2-3-1): Lorello, Favaro, Scotton (64′ Piva), Lelj, Zoppelletto, Meneghello, Bicalho (72′ Turea), Rubbo, Coraini, Rondon, Beghetto. A disposizione: Veronese, Gal, Di Bari, Pucino, Mario, Turea, Piva, Rampin, Bernardelle. All.: Zattarin.

Delta Porto Tolle Rovigo (4-4-1-1): Vimercati, Acka, Azzolin (78′ Dall’Ara), Bargiggia, Politti, Procida, Laurenti (76′ Pandiani), Capellupo, Cozzolino, Lauria (88′ Conti), Pradolin. A disposizione: Bianco, Dall’Ara, Pandiani, Cinti, Guiducci, Bonaventura, Guccione, Conti, Baldrocco. All.: Tiozzo Peschiero.

Reti: 20′ Rondon (E), 26′ Laurenti (D), 44′ Laurenti (D), 65′ Coraini (E), 79′ Cozzolino (D), 92′ Lelj (E).

Note: ammoniti Favaro (E), Bargiggia (D), Procida (D), Politti (D), Lauria (D), Pandiani (D). Angoli: 6-4. Recuperi: 0′ e 4′. Arbitro: Minafra di Roma 2. Spettatori: 1000 ca.

Risultati 9^ giornata – Serie D Girone D: Abano – Scandicci 0-0, San Paolo Padova – Rimini 1-4, Bellaria Igea Marina – Imolese 0-1, Este – Delta Porto Tolle Rovigo 3-3, Fidenza – Fiorenzuola 0-0, Fortis Juventus – Thermal Abano 1-1, Mezzolara – Correggese 1-3, Piacenza – Jolly Montemurlo 2-1, Romagna Centro – Ribelle rinviata, Virtus Castelfranco – Formigine 4-2.

Classifica 9^ giornata – Serie D Girone DPiacenza 18, Este 17, Rimini 16, Fiorenzuola 16, Virtus Castelfranco 16, Delta Porto Tolle Rovigo 15, Abano 14, Correggese 14, Fortis Juventus 14, Mezzolara 11, Fidenza 10, Scandicci 10, Ribelle 10*, Bellaria Igea Marina 10, Thermal Abano 9, Imolese 9, Romagna Centro 8*, San Paolo Padova 8, Formigine 6, Jolly Montemurlo 5.

Salva Articolo

Lascia un commento