Basket. Solesino, parla Ortoman: “In serie C senza paura”

426
(Foto: B. C. Solesino)
(Foto: B. C. Solesino)

Ha lasciato la Pallacanestro Redentore un anno fa, tentando l’avventura in serie D con il Basket Club Solesino. E ora sta vivendo qualcosa di molto simile a un sogno. Francesco Ortoman, atestino, classe 1993, dopo aver vinto il campionato con la sua squadra, si prepara a esordire in C2.

Ciao, Francesco. Cosa ti è rimasto più impresso dello scorso finale di stagione?

“E’ stato tutto incredibile. La settimana precedente alla partita decisiva in spogliatoio c’erano una tensione e una concentrazione mai visti prima: poche parole e giù in palestra a lavorare. Ricordo la sera prima… avrò dormito un’ora. Il match è stato entusiasmante, con un pubblico calorosissimo. Ci ha fatto vincere il gruppo: unito, senza invidie, una squadra vera. Per me una piccola grande rivincita e una soddisfazione straordinaria.”

Vi aspettavate di riuscire a raggiungere la serie C?

“La nostra squadra aveva ottimi giocatori e sapevamo di potercela fare. Ma la D è sempre difficile e dopo una striscia di sconfitte che pareva non voler finire in pochi scommettevano sulla promozione diretta. E invece…”

Per te è stato un doppio salto: in un anno dalla Promozione alla C2. Oggi ti senti un giocatore più maturo? 

“Maturo è un parolone, ma senz’altro ho acquisito maggiore fiducia in me stesso. A causa delle difficoltà economiche di alcune società, molti giocatori di categorie maggiori sono scesi a giocare in serie D. Confrontarmi con loro è stato parecchio stimolante: ho imparato molto.”

Qualche giorno fa hai rinnovato con il Solesino, firmando un contratto annuale. Dove può arrivare in futuro Francesco Ortoman?

“Io sono dell’idea che porsi degli obiettivi sia sempre motivante, anche se bisogna essere realisti: per me la serie C è una grandissima opportunità e credo che sarà difficile militare in campionati superiori. Nonostante ciò non mi pongo limiti. A volte anche un pizzico di fortuna può aiutare.”

Cosa cambierà rispetto all’anno scorso secondo te?

“Sono sicuro che tecnicamente ci saranno giocatori molto validi e anche fisicamente ben messi. Stiamo lavorando molto sull’intensità, per cercare di non arrivare impreparati. Noi giocheremo sempre a viso aperto: non abbiamo nulla da perdere.”

Quali sono gli obiettivi del Solesino 2015/2016?

“La società non si è ancora espressa su questo, ma senz’altro vogliamo salvarci, magari evitando i play out. Purtroppo quest’anno le retrocessioni saranno cinque perciò non sarà facile, ma noi siamo carichi e ci crediamo.”

Il Redentore quest’anno affronterà il campionato di Promozione. Sei ancora in contatto con i tuoi vecchi compagni?

“Mi tengo sempre aggiornatissimo sull’Este e spero che riesca a raggiungere tutti i traguardi prefissati. La Promozione non è mai facile e ci sono molte squadre forti che arrivano da categorie maggiori. Sono sicuro, però, che anche il Redentore sarà competitivo, come lo è sempre stato negli anni passati.”

Salva Articolo

Lascia un commento