Basket, Solesino corsaro in laguna: ora è ai quarti

Grazie a una solida prestazione corale, la squadra di coach Maltarello espugna 56-66 il campo dell'Alvisiana e guadagna l'accesso al prossimo turno dei playoff

635

SOLESINO. Bastano due partite al Solesino per superare il primo turno dei playoff di serie D. La squadra allenata da coach Maltarello, dopo aver fatto propria gara 1 domenica scorsa, esce vincitrice anche dal difficile campo dell’Alvisiana, chiudendo la serie sul 2-0. I biancoazzurri, accompagnati da una decina di “Bulldogs”, il gruppo di giovani ultras solesinesi, si sono imposti per 56-66, guadagnando così l’accesso ai quarti di finale dove se la vedranno contro i trevigiani di Spresiano.

La partita. La posta in palio è alta e si vede: sul parquet nessuno si risparmia e i contatti, anche duri, non mancano. Il Solesino, che ritrova Quaglia, gioca come in gara 1 un primo quarto brillante, chiuso in vantaggio 14-20, salvo poi soffrire il ritorno dei padroni di casa nei secondi 10′. Alla pausa lunga è 32-31. Il terzo periodo è particolarmente combattuto: dopo diversi minuti di equilibrio, Gasparello e compagni riescono a costruire nel finale di frazione un piccolo vantaggio e al 30′ è +7 (39-46). Nel quarto quarto Alvisiana passa alla difesa a zona, ma la scelta non paga: gli ospiti, anzi, trovano più volte il fondo della retina e scappano sul +14. Negli ultimi minuti i veneziani tentano il tutto per tutto, affidandosi all’orgoglio e alla generosità di Sartor e Donadon. Il Solesino, però, non si fa sorprendere e controlla senza grossi problemi fino alla sirena. In doppia cifra vanno in tre: il solito Gasparello (14), Ortoman (12) e Rizzo (10), ma la vittoria, spiega coach Maltarello, «è merito di tutta la squadra». Squadra che, prima di rientrare negli spogliatoi, si ferma a festeggiare con i propri tifosi a conferma di un legame, quello con la città, sempre più forte. In vista del confronto con Spresiano da valutare le condizioni di Bortolami e Longo, usciti malconci dalla trasferta in terra lagunare.

Salva Articolo

Lascia un commento