lunedì 22 Luglio 2019
Home Sport Basket Basket: il Redentore sfiora il miracolo, ma Isola è troppo forte

Basket: il Redentore sfiora il miracolo, ma Isola è troppo forte

ESTE. Segnali di ripresa della Pallacanestro Redentore nella quarta giornata di ritorno del girone verde della serie D regionale. Gli uomini di Baù, dopo le ultime prestazioni negative contro Solesino e Vicenza, confezionano all’Itis euganeo di Este una delle migliori partite della loro stagione al cospetto della corazzata Virtus Isola. Alla fine, comlici alcune ingenuità, la sconfitta arriva comunque, ma l’ordine e la compattezza ritrovati sabato sera dai biancorossi potrebbero rappresentare il primo passo verso un cambio di rotta.

Il tecnico atestino, che deve fare i conti con un’infermeria ancora piuttosto affollata, schiera in quintetto il rientrante Perencin e si affida al duo Donato-Roin in cabina di regia. Proprio di Roin sono i primi cinque punti della squadra atestina, che risponde colpo su colpo a Isola fino alla metà del primo quarto. Poi gli ospiti tentano un timido allungo (+6), ma l’Este esce bene dal time out e rimane in scia grazie al contropiede di Candeo e al piazzato di Zhou. All’inizio del secondo quarto è ancora caldissima la mano di Candeo che consente ai suoi di mettere per un attimo addirittura la testa avanti. A questo punto sale in cattedra il playmaker isolano Donisi, che spacca in due la difesa del Redentore e a 1’dall’intervallo trascina la virtus sul +11. La bomba finale di Guarini limita i danni: al riposo è 29-37.

Diversamente da quanto visto nelle ultime uscite, i padroni di casa tornano sul parquet decisi a rimettersi in partita. Ciononostante, Isola fa valere la propria superiorità tecnica e scappa sul 38-51 a 3′ dalla sirena del terzo periodo. Finita? Nemmeno per idea: la tripla di uno Zhou in crescita, la fuga di Trimarchi in contropiede e l’appoggio di Candeo riportano gli atestini a -4. Il Redentore ci crede e gioca con una cattiveria che da tempo sembrava aver smarrito. Gli uomini di Baù attaccano bene l’area avversaria e trovano canestri preziosi da Trimarchi, Perencin e Zullato. A 5′ dal termine è 56-56. La Virtus però non ci sta e torna sul +5 colpendo con il solito Donisi dall’arco. Da un’incomprensione tra Ianno e Candeo nasce la palla persa che chiude ogni discorso, proiettando gli ospiti verso la vittoria. Finisce 60-69. Il Redentore resta terz’ultimo a quota 8 punti mentre Isola, in attesa del match tra Abano e Araceli, è sola al comando della classifica.

Lascia un commento

Davide Permunian
Davide Permunian
Vicentino di nascita, atestino di adozione. Classe 1993, ho collaborato a diversi progetti giornalistici. Allenatore di pallacanestro, amo i paesaggi e i libri. Mi piace raccontare storie e scrivere poesie.
- Advertisment -

Da leggere

Incidente con cinghiale, come ottenere il risarcimento dei danni

Capita sempre più frequentemente di trovare dei cinghiali sulle strade del bacino dei Colli Euganei. La presenza di questi animali selvatici all’interno della carreggiata,...
bar-footer
bar-footer