Basket, il Redentore non tradisce: Noventa battuto nello scontro salvezza

La squadra di coach Baù si aggiudica nettamente il confronto diretto e allontana lo spettro della retrocessione diretta. Decisive le bombe di un ritrovato Ianno

1086

NOVENTA PADOVANA. Era una di quelle che in gergo sportivo si definiscono ultime chiamate: una partita da non fallire, perché altrimenti si sarebbe seriamente profilato all’orizzonte lo spettro della retrocessione diretta in Promozione. E il Redentore ha risposto presente, strappando in maniera netta (56-70) un successo che, a tre giornate dalla fine del campionato, ipoteca l’ultimo posto utile per partecipare ai playout. Un traguardo importante e tutt’altro che scontato per come si era messa a un certo punto la stagione. A Noventa si è vista una gara simile a quella disputata il 18 febbraio a Este contro il fanalino di coda Gemini: la squadra di coach Baù ha sofferto nei primi 20’ ma è venuta fuori negli ultimi due quarti, imponendo il proprio gioco e mettendo agevolmente le mani sull’incontro. La quart’ultima posizione resta difficile da raggiungere, ma le ultime prestazioni (compresa quella della scorsa settimana contro il Limena) fanno ben sperare. E il recupero di alcune pedine fondamentali per lo scacchiere biancorosso (Ianno in primis) è un’altra buona notizia che induce a un cauto ottimismo: l’obiettivo salvezza non è, forse, una missione impossibile.

La gara. Polveri piuttosto bagnate in avvio: entrambe le squadre attaccano con grande foga ma senza particolare precisione. Il Noventa si sblocca dall’arco, gli atestini si affidano a un Guarini volenteroso (anche se non sempre ordinato) per restare ancorati alla partita. I meccanismi della compagine di coach Baù si inceppano nel secondo quarto, quando i padroni di casa salgono in cattedra proteggendo bene la propria area e trovando una discreta continuità al tiro. Il Redentore sbaglia tanto, subisce l’aggressività degli avversari e va all’intervallo in ritardo di otto lunghezze (31-23). Nella ripresa il contro break micidiale dell’Este (1-17) ribalta le sorti dell’incontro. Il Noventa si spegne e non riesce più a trovare una quadratura. Appena prova timidamente a rientrare, Ianno decide di tornare a vestire il ruolo del protagonista infilando le bombe che, di fatto, chiudono ogni discorso. I biancorossi, sciolta la tensione, lasciano intravedere sprazzi di buona pallacanestro e amministrano il vantaggio con maturità. Alla sirena è 56-70.

Serie D girone verde, dodicesima giornata di ritorno: L’Argine-Altavilla 53-56, Limena-Basket Abano Montegrotto 61-57, Vigodarzere-Virtus Isola 28-67, Roncaglia-San Bonifacio 66-71, Noventa- Redentore 56-70, Gemini-Solesino 71-80, Arcella-Mestrino, Peschiera-Araceli 73-66

Classifica: Abano Montegrotto 48, Virtus Isola 48, Limena 40, San Bonifacio 38, Solesino 38, Altavilla 32, Peschiera 32, Roncaglia 28, Araceli 26, Arcella, Mestrino, L’Argine 18, Vigodarzere 14, Redentore 12, Noventa 8, Gemini 4

Salva Articolo

Lascia un commento