Si può veramente guadagnare con i Bitcoin?

455

Il tema è diventato estremamente attuale e delicato da quando negli ultimi mesi questi strumenti hanno letteralmente conquistato le prime pagine dei giornali per via della loro crescita esponenziale. Si sta parlando dei Bitcoin, ovvero monete virtuali, nati nel 2009 dall’idea di un inventore sconosciuto noto con uno pseudonimo (Satoshi Nakamoto). Come la parola stessa suggerisce si sta parlando di monete non reali, smaterializzate, non banconote di carta tangibili, ma con le quali si può comunque procedere ad effettuare transazioni. Una forma di pagamento alternativa alle valute comunemente accettate e riconosciute e che non fanno capo ad alcun ente governativo né banca.

Lo scambio di queste criptovalute, così come la loro creazione, avviene tramite protocollo P2P (peer to peer) ovvero soltanto in rete, grazie alla connessione di pc. Una moneta potenzialmente in grado di sfuggire ad ogni controllo garantendo al contempo massima sicurezza nelle transazioni dato che ogni movimento è cifrato e criptato. Ebbene non sarà sfuggito ai più come negli ultimi mesi il Bitcoin sia stato sempre presente sulle pagine dei notiziari economici essendo diventato più prezioso anche dell’oro. Chi ha investito in passato ha raccolto frutti enormi in termini di guadagno; chi non ha fatto in tempo ha cercato di correre ai ripari acquistando Bitcoin pur se a caro prezzo. In sostanza è esplosa la moda delle monete virtuali al punto che ne sono nate tantissime altre; e sul mercato hanno fatto la propria comparsa prodotti affini.

È il caso ad esempio del Bitcoin Code: iniziamo subito dicendo che per alcuni si tratta di un prodotto per nulla affidabile, ai limiti della truffa. E in effetti entrando nell’apposito sito vengono promessi facili guadagni grazie all’investimento in Bitcoin. Il tutto tramite un metodo, un code per l’appunto, che sarebbe una sorta di ricetta infallibile che genera algoritmi vincenti per chi investe. Cosa che nel mondo degli investimenti non esiste. In sostanza la moda del Bitcoin è deflagrata in modo talmente evidente che l’intero mercato finanziario ne è risultato stravolto.

Oggi il Bitcoin può essere acquistato e tenuto in un portafogli virtuale, il wallet elettronico; o in alternativa si può investire su di esso nello short time, come se fosse un prodotto derivato, facendo ricorso alle tante piattaforme di trading online. Che sia una moda passeggera, come molti analisti preconizzano, o un qualcosa destinato a durare non è dato sapersi. Certo è che il Bitcoin passerà alla storia come il prodotto del 2017; e anche in questo inizio di 2018 non sembra intenzionato a cedere il passo.

Salva Articolo

Lascia un commento