Trenitalia lascia a piedi la Bassa, è polemica. Narduolo (Pd): comportamento inaccettabile

713
(Foto: it.wikipedia.org)
(Foto: it.wikipedia.org)

L’estate si avvicina e la scure di Trenitalia si abbatte ancora una volta sui pendolari della Bassa Padovana. A cominciare da giugno, infatti, tornare a casa dopo le ore 19 sarà un problema: l’azienda ferroviaria di Stato taglierà fino a settembre il treno regionale R20490 (tratta Monselice-Legnago, in partenza alle 19,38), l’autobus sostitutivo VE708 (Monselice-Legnago, in partenza alle 20,39) e il treno regionale R20795 (Venezia-Rovigo, in partenza alle 18,49).

Durissimo il commento dell’onorevole del Pd Giulia Narduolo. “Non è accettabile un comportamento del genere da parte di Trenitalia. Già l’anno scorso le proteste degli utenti erano state vibranti ed avevano portato ad un risultato concreto in loro favore, mai avrei pensato che questo fosse poi messo in discussione come se si trattasse di una soluzione temporanea. Non mi sembra serio e, soprattutto, sa da presa in giro per il gran numero di pendolari che pagano abbonamenti trimestrali o annuali e che si troverebbero con un servizio dimezzato, impossibilitati a rincasare la sera” tuona la parlamentare di Megliadino San Vitale, che promette un’interrogazione al Ministro dei Trasporti Graziano Delrio.

“So che i pendolari riuniti in comitato hanno scritto una lettera ai candidati presidenti della Regione Veneto per denunciare questa situazione specifica e il disservizio che sono costretti a subire” continua Narduolo. “Mi auguro che, tra un comizio e un’apparizione tv, qualcuno trovi il tempo per rispondere loro e, soprattutto, auspico che chi avrà l’onere e l’onore di governare la Regione sappia fare meglio di quanto è stato fatto finora in tema di trasporto pubblico locale ed in particolare di trasporto ferroviario.”

Pioggia di critiche al governatore Zaia. “Sotto di lui siamo diventati una delle regioni con il peggior trasporto pubblico in Italia” sbotta il consigliere del Pd Piero Ruzzante. “Da lavoratore che usa questi mezzi ogni giorno sono indignato” gli fa eco Gabriele Raise de L’altro Veneto.

Salva Articolo

Lascia un commento