Trenitalia, consegnato al Veneto un nuovo treno Vivalto (FOTO)

371

zaia vivalto inaugurazione 1E’ avvenuta stamattina, presso l’impianto di manutenzione dei treni regionali di Trenitalia di Marghera (VE), la consegna del nuovo treno “Vivalto” di nuova generazione, destinato ai pendolari del Veneto, alla presenza del presidente della Regione Veneto Luca Zaia, dell’assessore regionale ai trasporti Elena Donazzan, dell’amministratore delegato di Trenitalia Vincenzo Soprano e del direttore della Divisione Passeggeri Regionale di Trenitalia Orazio Iacono.

Il mezzo va ad aggiungersi agli altri 12 esemplari già in dotazione alla flotta veneta; entro il 2015 dovrebbero entrarne in circolazione altri otto. Ciascuno di essi è dotato di 600 posti, divisi su due piani. La consegna di oggi rientra in un’operazione di rinnovo e potenziamento della flotta regionale veneta che ha comportato un investimento complessivo di 339 milioni di euro, suddivisi tra Regione Veneto e Trenitalia, definito nel Contratto di Servizio stipulato nel 2010. L’acquisizione dei Vivalto ha richiesto una spesa di 90 milioni di euro.

Siamo il più importante cliente italiano di Trenitalia e punto di riferimento nazionale per la gestione del trasporto. Faccio appello perché le consegne già previste siano anticipate più possibile. Abbiamo ottenuto che l’impianto manutenzione funzioni 24 ore al giorno, in modo tale da limitare al massimo i disagi che nascono quando una macchina si guasta ed entro un mese chiuderemo un accordo che riguarda puntualità, pulizia e comfort” ha dichiarato Zaia al quotidiano online VeneziaToday. Sulla stessa linea Soprano, a.d. di Trenitalia: “Il Veneto è un cliente eccellente perché paga regolarmente: la puntualità garantisce la nostra efficienza“. Dichiarazioni che stridono in maniera assordante con i disagi quotidiani affrontati dai pendolari di tutto il Veneto.

Ecco le foto della giornata:

zaia vivalto inaugurazione 1

zaia vivalto inaugurazione 3

zaia vivalto inaugurazione 4

zaia vivalto inaugurazione 5

Salva Articolo

Lascia un commento