Stoppa sindaco, ecco la coalizione

379

ImmagineIl primo a candidarsi (l’annuncio della discesa in campo risale allo scorso settembre) e il primo a ufficializzare la coalizione che lo sostiene. Sembra intenzionato a non perdere tempo Stefano Agujari Stoppa, leader delle Civiche, per dieci anni vicesindaco di Este e ora impegnato nella corsa per la successione a Giancarlo Piva. Sabato mattina i gruppi che hanno deciso di sostenerlo si sono presentati alla stampa: oltre al Pd, con cui è stata dunque rinnovata l’intesa, l’Udc, i Cittadini per Este ed Este a colori.

“Per noi è prioritaria la costruzione di un progetto strategico per il futuro della nostra città, valorizzando tutte le forze che hanno dimostrato di mettere al primo posto il bene comune e gli interessi dei cittadini al di là di ogni personalismo. Crediamo quindi che la candidatura di Stoppa garantisca affidabilità e capacità di buon governo” spiega Stefano Papa, segretario del Pd atestino. “La proposta che oggi facciamo guarda al futuro e garantisce governabilità. Le Civiche costituiscono un unicum nel panorama della provincia, perché sono una lista profondamente radicata nel territorio e che non ha apparentamenti politici mascherati” gli fa eco Piva, che sul suo futuro dice: “Mi metto a disposizione di questo progetto e del mio partito.”

Convinto anche l’appoggio dell’Udc. “Abbiamo partecipato alle scorse elezioni con un nostro candidato (Vanni Mengotto, ndr), entrando in un secondo momento nella coalizione di governo. Gli alleati hanno mantenuto gli impegni che si erano assunti e ora noi riteniamo di poter assicurare da subito il nostro sostegno.” Secondo Franco Frizzarin, responsabile provinciale di Cittadini per l’Italia, “non è tempo di sognare, il momento è difficile e i Comuni hanno poche risorse a disposizione.” Stoppa allora, in quest’ottica, “rappresenta una candidatura civica a servizio della comunità.” Infine Stefano Parolo, coordinatore del circolo di Sel Este-Ospedaletto: “Scendiamo in campo accanto a Stoppa senza il simbolo del partito perché lui è la figura più indicata per costruire un progetto serio e pragmatico. Per quanto ci riguarda, Este a colori cercherà di dare voce in modo particolare alle istanze del mondo sociale e del volontariato.

Soddisfatto il leader delle Civiche: “Sono felice di sintetizzare nella mia candidatura valori diversi e mi rendo conto di avere, anche per questo, una grande responsabilità. Non mi sento il protagonista assoluto, ma l’allenatore di una squadra che, unita, può arrivare lontano. Crediamo nella politica come servizio e l’abbiamo testimoniato negli ultimi dieci anni. I prossimi passi? Il programma di coalizione, ovviamente. E poi la campagna elettorale.”

Salva Articolo

Lascia un commento