Scuola materna Giovanni Paolo II, Zaramella sta con i genitori: “Pronto a presentare una mozione”

266
(Foto di redazione)
(Foto di redazione: la scuola materna Giovanni Paolo II scoperchiata dalla tromba d’aria)

Carlo Zaramella non ci sta. L’esponente della Lega Nord di Este boccia senza appello il modo in cui sarebbe stata gestita la vicenda legata alla scuola materna Giovanni Paolo II, duramente colpita dal fortunale dello scorso ottobre. E, come ha annunciato su Facebook, è pronto a dare battaglia nel prossimo consiglio comunale.

Il clima nel dibattito politico atestino è rovente già da qualche settimana. I padri e le madri degli alunni della Giovanni Paolo II, tuttora “parcheggiati” in un’ala della scuola elementare Pascoli in attesa che il tetto dell’asilo venga riparato, nei giorni scorsi hanno chiesto le dimissioni del sindaco Piva e del suo vice Agujari Stoppa. I genitori, organizzatisi in un comitato, contestavano all’Amministrazione l’incapacità di dare risposta alle esigenze dei loro figli: i bimbi, infatti, trascorrerebbero le giornate in uno spazio troppo ristretto, non idoneo ad assicurare il corretto svolgimento delle attività didattiche, motorie e ludiche tipiche della loro età. Secondo Ulss e Vigili del Fuoco, che hanno compiuto un sopralluogo nella scuola, il Pascoli non presenterebbe invece particolari problemi. Il Comune  ha comunque deciso di realizzarvi alcuni interventi, tra cui un giardino recintato e la climatizzazione delle aule, che verranno a costare circa 30 mila euro. Per quanto riguarda la Giovanni Paolo II, i lavori saranno completati entro luglio con una spesa di 240 mila euro.

Ora a passare all’attacco è il consigliere del Carroccio, che si schiera dalla parte dei genitori. “Siamo di fronte al triste spettacolo di un Comitato costretto a tirare per la giacchetta quotidianamente gli amministratori del Comune di Este, arrivando a chiederne simbolicamente le dimissioni, per avere delle risposte che non fossero comunicati stampa” sbotta Zaramella sul suo blog. Il leghista bolla l’idea di dare “un parco in regalo alla scuola” come “un’azione politica di pessimo gusto, una caduta di stile che non rende onore a chi ha promesso una città a misura di bambino, non solo perché si poteva fare prima, non solo perché il rapporto con il Comitato dei genitori doveva essere diverso, ma soprattutto perché invece di far credere di essere bravi, qualcuno avrebbe dovuto prendere atto di una situazione denunciata da tempo e provvedervi semplicemente perché compito e prerogativa di un’Amministrazione comunale.” Zaramella promette anche una mozione in consiglio comunale per chiedere di insonorizzare le aule del Pascoli che ospitano gli alunni della Giovanni Paolo II.

 

Salva Articolo

Lascia un commento