POLITICA – Programmi Elezioni 2013: Monti va per il bis. L’Agenda del Presidente per una Scelta Civica

0
163

Scelta-Civica-Simbolo

Can this man save Europe?”. Così apriva la prima pagina di Time nel febbraio 2012, con il volto di Mario Monti in copertina. La domanda non ha trovato risposta, la crisi economica è uno spettro ancora presente nella vita quotidiana di italiani ed europei; nel frattempo l’ex international advisor per Goldman Sachs e attuale Presidente del Consiglio, il 28 Dicembre 2012 ha presentato la sua candidatura in vista delle Elezioni Politiche del 24 e 25 Febbraio 2013 alla guida della coalizione centrista “Con Monti per l’Italia”, che comprende UDC, FLI e la lista civica “Scelta Civica – Con Monti per l’Italia, suscitando qualche perplessità e qualche polemica vista l’intenzione di non candidarsi fino ad allora ribadita con frequenza.

La scelta era già stata annunciata cinque giorni prima, nel corso della sua conferenza stampa di fine anno. Monti ha spiegato di volersi confrontare con le forze politiche su una serie di punti concreti, che ha raccolto in un’Agenda di cui si è discusso molto nell’ultimo mese. Il documento, pubblicato su agenda-monti.it, mette insieme un’ampia serie di proposte e di contenuti che sono la prosecuzione ideale dell’azione di governo fino a ora portata avanti da Monti insieme con i suoi ministri.

L’Agenda è lunga venticinque pagine e, per esigenze di spazio, l’abbiamo riassunta in 30 punti brevi, dal rispetto dei conti pubblici alla lotta alla corruzione, passando per gli investimenti nell’istruzione. Per chi fosse interessato a leggere la versione completa dell’Agenda Monti la può trovare qui: http://agendamonti.s3.amazonaws.com/UnAgenda-per-un-impegno-comune-di-Mario-Monti.pdf

1.       L’Italia deve impegnarsi per la creazione di un’Europa più comunitaria, meno intergovernativa, più unita e non a più velocità.

2.       Mercato europeo interno più integrato e dinamico, maggiore solidarietà finanziaria tra gli stati membri con condivisione del rischio.

3.       L’Italia deve confermare il proprio impegno nel rispettare le regole di disciplina sulla finanza pubblica.

4.       La politica estera deve continuare nella direzione segnata dal governo Monti, tesa non solo a Europa e Stati Uniti, ma anche agli altri paesi del Mediterraneo, valorizzando “la rete di italiani nel mondo”.

5.       Il debito pubblico al 120 per cento del PIL (Prodotto interno lordo) non permette di creare nuovi debiti per poter crescere. La crescita si costruisce su finanze pubbliche sane.

6.       Mantenere il pareggio di bilancio strutturale, ridurre il debito pubblico fino al 60 per cento del PIL dal 2015, dimissione e valorizzazione del patrimonio pubblico per ridurre debito.

7.       I sacrifici fatti hanno portato a un avanzo primario che può portare alla riduzione del debito, e quindi a una riduzione delle tasse.

8.       La prossima legislatura dovrà impegnarsi a ridurre il prelievo fiscale complessivo, partendo da lavoro e impresa. Saranno necessari meccanismi di misurazione della ricchezza più affidabili e oggettivi, senza causare fughe di capitali.

9.       Con la “spending review
” sono stati risparmiati 12 miliardi di euro, e se ne risparmieranno altri nel 2013 con l’entrata in vigore di altre misure. Serve un approccio sistematico e continuativo per ridurre gli sprechi e la spesa corrente, tagliando il superfluo. La “spending review” deve diventare strumento ordinario, e non più straordinario.

10.   Nei primi 100 giorni del governo occorrerà identificare le 100 procedure da eliminare o ridurre con priorità assoluta per snellire la pubblica amministrazione, per avere anche più trasparenza.

11.   Rimuovere ostacoli per le liberalizzazioni nei beni e nei servizi, dare più concorrenza e vigilanza sulla stessa.

12.   Incentivare gli investimenti delle imprese in ricerca e innovazione, con nuovi sistemi di finanziamento e di accesso al credito.

13.   Serve un “Fondo per le ristrutturazioni industriali” che incentivi l’arrivo di capitali privati.

14.   Intervenire sul commercio estero, semplificarne le regole per favorire le esportazioni delle aziende italiane.

15.   Istruzione, università e ricerca sono fondamentali per il futuro economico e lavorativo dell’Italia: motivare gli insegnanti, nuovi modelli organizzativi nel segno dell’autonomia e della responsabilità. Premi economici per insegnanti e dirigenti meritevoli.

16.   Mantenere gli impegni presi con l’approvazione dell’Agenda digitale, per la modernizzazione dei sistemi, della pubblica amministrazione e per creare nuove imprese.

17.   Regole chiare e ragionevoli per incentivare l’economia verde, con sanzioni intransigenti per chi viola le norme sulla protezione dell’ambiente.

18.   Dare migliore accesso al credito agrario specializzato, favorire l’export dei prodotti agricoli italiani e politiche coerenti per limitare il consumo di superficie agricola.

19.   Valorizzare il patrimonio storico-artistico, creando anche intese con fondazioni di origine non bancaria e con nuovi accordi tra pubblico e privato, per avere più finanziamenti.

20.   Mantenere e puntare sulle riforme del lavoro e delle pensioni fatte nell’ultimo anno di governo: “non si può fare marcia indietro”.

21.   Rilanciare un piano di occupazione giovanile e incentivi a sostegno della formazione e dell’inserimento nel mercato del lavoro.

22.   Detassazione selettiva dei redditi di lavoro femminile per favorire l’occupazione delle donne, e ridurre la differenza di genere in ambito lavorativo.

23.   Rendere lo stato sociale (welfare) più razionale e aperto all’innovazione, tagliando sugli sprechi. In ambito sanitario lo si può fare puntando anche sul potenziamento dell’assistenza domiciliare e con misure per rendere più semplice e trasparente l’accesso alle prestazioni agevolate.

24.   Favorire il mantenimento di una società aperta in cui tutte le posizioni siano contendibili e non acquisite per sempre. Merito e produttività devono essere gli elementi essenziali per la valutazione del lavoro, specialmente in ambito pubblico.

25.   Riformare lo Stato, creando per esempio un federalismo responsabile e solidale “che non scada nel particolarismo e nel folclore”.

26.   Riconciliare la politica con i cittadini partendo da una riduzione dei contributi pubblici, anche indiretti, ai partiti e ai gruppi parlamentari e dei rimborsi elettorali. Tracciabilità dei bilanci dei partiti.

27.   Lotta costante all’evasione fiscale, identificando le grandi aree di illegalità.

28.   Norme severe in tema di anticorruzione, antiriciclaggio e autoriciclaggio: bisogna rivedere la riduzione dei tempi di prescrizione per questi reati.

29.   Serve una nuova e coerente disciplina del falso in bilancio, così come servono leggi chiare e coerenti sulla prevenzione del conflitto di interesse.

30.   La lotta alla criminalità organizzata deve continuare senza esitazione, anche grazie a procedure di appalto più trasparenti e di sequestro dei beni più rapide ed efficaci. Il recente provvedimento sull’incandidabilità muove in questo senso.

Giacomo Visentin