lunedì 22 Luglio 2019
Home Politica Bassa Padovana Oltre 50 amministratori locali a supporto della candidatura di Tiberio Businaro

Oltre 50 amministratori locali a supporto della candidatura di Tiberio Businaro

Il sindaco di Carceri è in attesa di risposta dai vertici della Lega Nord: «La Bassa Padovana merita una rappresentanza in Parlamento, lui è la soluzione giusta»

CARCERI. «Crediamo che questo territorio meriti di avere una rappresentanza in Parlamento, e crediamo che la soluzione giusta possa essere Tiberio Businaro. Non si tratta di un ragionamento di partito, ma di territorio». A dirlo sono gli oltre 50 sindaci e amministratori locali – anche non iscritti alla Lega Nord – che hanno sottoscritto il proprio supporto all’autocandidatura avanzata dal sindaco di Carceri ai responsabili del Carroccio, attualmente al vaglio della dirigenza del partito, in vista delle elezioni politiche del prossimo 4 marzo. I firmatari riconoscono a Businaro «la capacità di farsi interprete e portavoce delle istanze di una zona così importante come la Bassa Padovana».

Il primo cittadino di Carceri, eletto una prima volta nel 2009 e poi riconfermato con un il 67% delle preferenze cinque anni più tardi, è stato il primo dei non eletti alle elezioni regionali del 2015, quando si era candidato con la Lista Zaia. In questi anni Businaro si è speso in prima persona in molte battaglie, sia per la promozione del territorio – come il progetto “Ridiamo il sorriso alla Pianura Padana”, ora divenuto a regia regionale, che ha portato alla piantumazione di 30 mila alberi – che in sua difesa, bloccando l’insediamento di impianti a biogas e seguendo la questione dell’inquinamento da Pfas.

«Per i problemi ambientali dei Pfas, che il nostro territorio sta vivendo, a Roma serve qualcuno che difenda noi e la nostra salute. Questa persona è sicuramente Tiberio Businaro, del quale conosciamo le battaglie, deciso e determinato, sempre dalla parte dei cittadini» sostiene Beniamino Veronese, vicesindaco di Montagnana. «Tiberio ha sempre rispettato la territorialità a testimonianza della sua capacità di far squadra nel rispetto dei ruoli» aggiunge Filippo Lazzarin, sindaco di Arzergrande. Anche l’altro Lazzarin, Modesto, primo cittadino di Terrassa Padovana, è pronto a esporsi per Businaro: «Penso che se approdasse in Parlamento, dopo la sua esperienza di primo cittadino, potrebbe essere di stimolo e di motivazione anche per gli altri amministratori del territorio, che finalmente si sentirebbero rappresentati da uno di loro. Tiberio è davvero uno di noi, uno abituato a stare tra la gente e ad affrontare problemi reali tutti i giorni».

Lascia un commento

Giacomo Visentin
Giacomo Visentin
Classe 1992, ho in tasca due lauree, un Erasmus in Portogallo e diverse collaborazioni nel settore della comunicazione, da Cafè Tv 24 al Corriere del Veneto. La mia esperienza più bella rimane Estensione, che ho fondato nel novembre 2012 e di cui sono tuttora direttore editoriale. La politica, i media e lo sport le mie passioni più grandi.
- Advertisment -

Da leggere

Incidente con cinghiale, come ottenere il risarcimento dei danni

Capita sempre più frequentemente di trovare dei cinghiali sulle strade del bacino dei Colli Euganei. La presenza di questi animali selvatici all’interno della carreggiata,...
bar-footer
bar-footer