domenica 21 Luglio 2019
Home Politica Bassa Padovana Nuova Sr10, Narduolo: «No a pedaggio e project financing»

Nuova Sr10, Narduolo: «No a pedaggio e project financing»

La deputata del Pd: «Dopo la fine della campagna elettorale e i balletti sulle risorse che appaiono e scompaiono, questa strada è ancora in alto mare»

MONTAGNANA. Torna d’attualità la questione legata alla nuova Sr10, pensata per unire Monselice a Legnago ma ferma da ormai dieci anni a Carceri nonostante le manifestazioni e le rimostranze di diversi sindaci e amministratori del territorio. A riportarla al centro della discussione è la deputata del Pd Giulia Narduolo: «Dopo la fine della campagna elettorale per le elezioni regionali del 2015 e i balletti sulle risorse che appaiono e scompaiono, questa strada è ancora in alto mare» afferma la parlamentare originaria di Megliadino San Vitale. «Intanto bisognerebbe avere notizie dello stato del project financing, ovvero dell’autorizzazione-concessione che Veneto Strade era in procinto di firmare con un raggruppamento temporaneo di imprese che si impegnava a realizzare la strada e a gestirla avendo in cambio 38 anni di gestione della stessa a fronte del pagamento del pedaggio per gli automobilisti. Questa ipotesi prevedeva un valore complessivo di circa 240 milioni, di cui 40 a carico della Regione e 200 a carico del concessionario».

Project financing che, in ogni caso, non convince Narduolo. «Ѐ proprio indispensabile affidarci a questo strumento? Abbiamo sotto gli occhi in tutto il suo “splendore” la vicenda della Pedemontana e risuonano chiaramente le parole del ministro Delrio, secondo il quale la stragrande maggioranza dei project financing non è sostenibile. Da tempo mi chiedo se non sia il caso di “resettare” questa ipotesi anche per la Sr10». Anche perché, spiega la deputata Dem, «è indigeribile per i cittadini della Bassa Padovana, che dovrebbero pagare il pedaggio persino per andare all’ospedale di Schiavonia».

Narduolo promette un impegno ad approfondire il tema. «Voglio verificare con esperti e progettisti se corrisponde al vero il fatto che la realizzazione degli ultimi 20 chilometri di strada da Carceri a Legnago costerebbe a grandi linee dai 50 ai 55 milioni di euro. Se così fosse, la Regione si è già impegnata a reperire circa 40 milioni e al resto potrebbero contribuire le società delle due autostrade (l’A13 Padova-Bologna e l’A31 Piovene Rocchette-Rovigo)‎ che dal nuovo cantiere risulterebbero essere beneficiarie, visto che ora sono scollegate tra di loro». Quel che è certo è che l’opera, per la parlamentare, è da inserire nell’agenda delle priorità. «Avere completata la SR10 senza pagare il pedaggio sarebbe determinante, insieme ad altre azioni come la banda ultralarga e la ferrovia veloce, per tentare il rilancio di un intero territorio».

 

Lascia un commento

Davide Permunian
Davide Permunian
Vicentino di nascita, atestino di adozione. Classe 1993, ho collaborato a diversi progetti giornalistici. Allenatore di pallacanestro, amo i paesaggi e i libri. Mi piace raccontare storie e scrivere poesie.
- Advertisment -

Da leggere

Incidente con cinghiale, come ottenere il risarcimento dei danni

Capita sempre più frequentemente di trovare dei cinghiali sulle strade del bacino dei Colli Euganei. La presenza di questi animali selvatici all’interno della carreggiata,...
bar-footer
bar-footer