Morto Bortolussi, segretario della Cgia di Mestre. Zaia: avversario leale

554
(Foto: www.vicenzatoday.it)
(Foto: www.vicenzatoday.it)

Ha lottato, ma non ce l’ha fatta. E’ morto nella serata di ieri a Padova Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia di Mestre dal 1980. Nello scorso ottobre aveva scoperto di essere affetto da una malattia incurabile. Si era sottoposto anche a una delicata operazione chirurgica, che lo aveva molto debilitato. Era ricoverato all’ospedale Sant’Antonio da alcune settimane. Lascia la moglie e tre figlie. Tra un mese avrebbe compiuto 67 anni.

Bortolussi era una personalità nota nel mondo politico, sociale ed economico veneto. Assessore al commercio del Comune di Venezia con il sindaco Cacciari, nel 2010 il centrosinistra lo aveva scelto come candidato alle elezioni regionali. Non di rado Bortolussi veniva ospitato nei talk show televisivi, dove presentava gli studi condotti dalla Cgia, l’associazione artigiani e piccole imprese di Mestre. Strenuo oppositore delle misure fiscali degli anni Novanta, nell’ultimo periodo si era occupato degli sprechi della Pubblica Amministrazione, puntando il dito contro il livello della tassazione locale.

Cordoglio dal presidente del Veneto Luca Zaia. “Un uomo forte, determinato, scrupoloso negli approfondimenti di temi ai quali dedicava molto più che un normale interesse professionale, a difesa di quel sistema economico ed imprenditoriale che ha fatto la storia del Nordest. Ma anche un avversario leale, una persona con la quale, pur da posizioni diverse, ho avuto modo di confrontarmi in modo corretto e costruttivo. A titolo personale e a nome della Regione del Veneto porgo alla famiglia le più sentite condoglianze per la dolorosa e prematura perdita che ha subito”. “La nostra Regione perde un grande uomo e un pezzo importante della sua storia” scrive su Facebook Alessandra Moretti.

Salva Articolo

Lascia un commento