Montagnana, esposto alla Corte dei Conti per sospette “spese pazze”

359

prosciutto montagnanaAmmonterebbe a 5.002 euro la spesa, autorizzata dalla delibera n° 119, per l’acquisto di sette prosciutti crudi a marchio “Consorzio Veneto Berico-Euganeo”, 180 bottiglie di vino Marzemino Merlara Doc e la realizzazione di due degustazioni previste, una nel programma “Montagnanese in Fiera” nelle giornate dell’11 e 12 aprile, e l’altra il 15 dello stesso mese.

E’ quanto emerge dalla denuncia che l’ex assessore montagnanese Nicola Correzzola ha mosso alla Corte dei Conti nei giorni scorsi, chiedendo di avere dei chiarimenti circa la determina comunale dello scorso 10 aprile con la quale il comune di Montagnana ha affidato alla società padovana Mark Co&Co la gestione di “Open Market”. Per tale progetto, che comprendeva l’organizzazione e la gestione di due degustazioni con prodotti tipici locali, la società avrebbe previsto una spesa di 4.100 euro più Iva. Ma, come riportato nella denuncia, secondo l’ex assessore i costi non combacerebbero. Infatti il costo di un prosciutto crudo ammonta a circa 130 euro, mentre si aggira attorno ai 3,20 euro il prezzo di una bottiglia di Marzemino. Il tutto per un totale di 1.486 euro. Inoltre sembrerebbe che le due degustazioni non si siano mai svolte realmente.

Nella denuncia che Correzzola ha reso pubblica nel gruppo Facebook “Montagnana 2.0“, emerge anche un altro dubbio: perché non ci si è rivolti alle associazioni montagnanesi e all’istituto alberghiero Jacopo da Montagnana, ma si è invece optato per una società esterna? “Speriamo la procura faccia il suo corso e chiarisca a breve quanto successo” conclude l’ex assessore. Nel frattempo non ci resta che attendere risposte da parte di quest’ultima.

Salva Articolo

Lascia un commento