Monselice, M5S propone il Question Time comunale: “Apriamo le porte alla trasparenza”

257
Monselice_piazza
(Foto: wikipedia)

 

Si chiama “Question Time comunale” ed è il nuovo strumento che il Movimento Cinque Stelle vorrebbe introdurre anche a Monselice. A lanciare l’idea è Andrea Bernardini, consigliere pentastellato della città della Rocca, secondo cui “inserire nello statuto questa novità sarebbe un segnale di grande apertura da parte di un Comune e di un Sindaco.” Già ampio il dibattito sui social network dove si registra, fra le diverse reazioni, l’apertura favorevole del Pd.

Il “Question Time comunale” è, parola del Vicepresidente della Camera (e probabile candidato premier del Movimento alle prossime elezioni politiche) Luigi Di Maio, “una sfida alla trasparenza e alla democrazia diretta lanciata a tutti gli altri sindaci di Pd, Forza Italia e Lega”, per permettere ai cittadini di “chiedere conto del vostro operato.” Si tratta, in sostanza, della possibilità di recarsi in Consiglio Comunale per interrogare i propri amministratori sui problemi della città o avanzare alcune proposte. E questi saranno tenuti a rispondere pubblicamente. “La politica che non ha nulla da nascondere spalanca le porte alla trasparenza. I politici trasparenti, anche quando sbagliano, ascoltano le critiche dei cittadini. Quante volte avete rivolto una domanda al vostro Sindaco che è rimasta lettera morta?” scrive Di Maio.

Lo strumento è già stato istituito a Bagheria, nel palermitano, dove si è insediata, appunto, una Giunta a Cinque Stelle. Possono avvalersene tutti i cittadini residenti che abbiano compiuto sedici anni, e anche i non residenti purché esercitino stabilmente la propria attività di studio o lavoro all’interno del Comune. “Il question time era sconosciuto addirittura al Parlamento prima del governo Prodi ed è stato sospeso per tutti i governi successivi fino alla nuova introduzione con Letta” ricorda il consigliere monselicense del Pd Vittorio Ivis, che ne riconosce la validità e si dice pronto a confrontarsi sul tema. La proposta, dunque, potrebbe presto approdare in consiglio comunale.

Salva Articolo

Lascia un commento