Monselice, i commercianti del centro annunciano la protesta. Previsto un Consiglio “di fuoco”

362
municipio-3
(Palazzo Tortorini, sede municipale davanti la quale è prevista la protesta di questa sera. Fonte foto: padovaoggi.it)

E’ prevista per questa sera una nuova seduta ordinaria del Consiglio Comunale tanto invocata quanto di particolare interesse, specie per alcuni temi inseriti all’ordine del giorno. Tra gli altri infatti, la tanto discussa variante che consentirà la realizzazione di un nuovo supermercato con annessa zona commerciale in via Cristoforo Colombo che da qualche settimana ha decisamente acceso il dibattito pubblico locale scatenando le ire dei commercianti.

Sono proprio questi ultimi ad annunciare battaglia, una volta di più, a chi autorizzerà “il nuovo ecomostro commerciale” a Monselice, dandosi appuntamento davanti a palazzo Tortorini per far sentire il proprio dissenso e assistere alla seduta di consiglio per, come si legge nel volantino distribuito in collaborazione con Ascom e Confcommercio, “vedere in faccia chi si rende complice di un tale misfatto”. Clima dunque che si preannuncia teso anche considerate le intenzioni, già manifestate dalla maggioranza, di non compiere alcun passo indietro sulla concessione al privato.

11261222_10205479505418271_3981697006079871890_n
(Il volantino distribuito tra i commercianti. Fonte foto: redazione)

Dal canto loro anche le opposizioni sono pronte a tornare alla carica: il centrosinistra ha già da tempo presentato una mozione per l’annullamento della delibera che approverebbe l’opera, mentre per Bernardini del M5S “sarà l’ennesima conferma della politica miope di Lunghi che calpesta le esigenze delle realtà locali e della volontà stessa dei cittadini”.

La variante parziale in votazione questa sera andrà di fatto a sostituire quella già votata e adottata lo scorso gennaio, contro la quale anche il centro commerciale Airone aveva già intrapreso un’iniziativa legale. La stessa posizione di consenso già dimostrata dalla maggioranza era stata poi replicata da una delibera di giunta, tuttavia, vista la pressione pubblica preannunciata per questa sera, non si escludono eventuali colpi di scena nella prosecuzione dell’iter burocratico in favore del nuovo comparto commerciale.

Oltre alla variante, all’ordine del giorno la convenzione tra Comune e Italcementi per la riconversione dell’area dell’ex cementificio, la convenzione per la gestione delle mense di casa di riposo e istituti scolastici, la mozione del centrosinistra sulla gestione dei richiedenti asilo e altri dieci punti che probabilmente richiederanno la prosecuzione della seduta anche nella serata di mercoledì.

Salva Articolo

Lascia un commento