Monselice, arriva il ‘contentino’: biblioteca aperta 3 ore in più per la sessione d’esame

228
BiblioMonselice
(Biblioteca di Monselice. Foto di redazione)

Dopo l’ennesimo invito pervenuto a Palazzo Tortorini, l’amministrazione monselicense ha accolto la richiesta del consigliere del Movimento 5 Stelle Andrea Bernardini, riguardante l’ampliamento degli orari della biblioteca comunale. L’esponente pentastellato richiedeva almeno che la struttura fosse «aperta il maggior numero di ore possibile, quanto meno le stesse ore che garantiscono le normali biblioteche degli altri Comuni».

L’amministrazione ha deciso quindi di anticipare l’orario di apertura alle ore 9.00, anziché alle 10.00, per tre giorni a settimana (martedì, giovedì e sabato, quando però la biblioteca chiude alle 12.00 e non alle 13.00). Invariati gli orari pomeridiani (15.00-19.00 dal lunedì al venerdì) e le mezze giornate di chiusura (mercoledì mattina, sabato pomeriggio e la domenica). La variazione di orario, inoltre, interesserà soltanto il periodo che va dal 18 gennaio al 28 febbraio, in concomitanza alle relative sessioni d’esame delle università della zona.

«E’ un punto di partenza, ma sarebbe necessario più coraggio. Si nota anche in questo caso l’assenza di programmazione: sembrano solamente pezze per tappare falle qua e là». commenta Bernardini. Il consigliere ha rinnovato comunque l’invito, come già fatto sui social network, a usufruire dei nuovi orari di apertura, anche al fine di dimostrare l’utilità dell’iniziativa.

Gli studenti monselicensi, intercettati all’uscita dalla biblioteca, apprezzano lo sforzo ma sono solo parzialmente soddisfatti: «Il confronto con Venezia e Padova è alquanto imbarazzante. Lì la grande maggioranza delle biblioteche e delle aule studio sono aperte fino a mezzanotte, qui nemmeno a pranzo» lamenta Diletta, 19 anni, studentessa. Altra questione spinosa rimane quella del collegamento a Internet, richiesto ormai da tempo, come spiega Giorgio, 20 anni: «Una rete wi-fi ad accesso libero sarebbe molto utile ai fini del nostro studio, per esempio nei casi in cui serva effettuare ricerche o si debba programmare attraverso il pc. Sarebbe ancora meglio se questa fosse veloce e gratuita». Il tema e i suoi relativi sviluppi promettono di restare “caldi” ancora a lungo all’ombra della Rocca.

Salva Articolo

Lascia un commento