M5S, sabato prossimo flash mob anticorruzione davanti alla villa di Galan

308

La notizia trapelata da qualche giorno è stata confermata nel pomeriggio dallo stesso Berti, candidato governatore per i pentastellati veneti: in concomitanza con la “Notte dell’Onestà” fissata per sabato 24 gennaio a Roma, attivisti e simpatizzanti del Movimento Cinque Stelle provenienti da tutta la Regione si riuniranno, dalle 17 alle 21, davanti alla residenza di Cinto Euganeo nella quale l’ex presidente Giancarlo Galan sta scontando gli arresti domiciliari.

“Andremo in questo luogo simbolo della corruzione in Veneto, a chiedere le dimissioni dell’ex governatore che ad oggi è ancora in carica (deputato e presidente della commissione Cultura, ndr) e percepisce stipendio e vitalizio, alla faccia nostra” attacca Jacopo Berti.

Nonostante la condanna in seguito alla vicenda giudiziaria legata al Mose, costata anche il carcere all’ex ministro, Galan continuerà a percepire quel che gli spetta da deputato fino al voto sulla sua decadenza dalla carica, che verrà fissato solo a sentenza definitiva, una volta esauriti i ricorsi (come previsto dalla legge Severino).

Sarà dunque la prima vera e propria mobilitazione dedicata alla tanto dibattuta questione, ma soprattutto la prima iniziativa di rilievo organizzata dal Movimento Cinque Stelle in vista delle prossime elezioni regionali.

Salva Articolo

Lascia un commento