Luca Claudio torna agli arresti domiciliari

All'ex primo cittadino aponense è stata concessa una seconda possibilità dopo la vicenda che lo ha visto protagonista lo scorso marzo

684

ABANO TERME. Luca Claudio esce di nuovo dal carcere. L’ex primo cittadino aponense ha una seconda possibilità per scontare la restante parte della pena – che ammonta a quattro anni a seguito del patteggiamento di dicembre 2016 – per i reati legati alla “Tangentopoli delle Terme”. Al politico erano già stati concessi i domiciliari durante lo scorso mese di marzo, revocati però nel giro di qualche giorno dopo un’intervista rilasciata a un quotidiano locale. Rilasciando dichiarazioni al giornale, Claudio aveva infranto l’obbligo imposto dalle autorità di non avere contatti con persone esterne alla propria cerchia familiare.

Salva Articolo

Lascia un commento