#IononscelgoZaia: parte la campagna del Pd contro il governatore uscente

394
zaia-moretti-venetianpost
(Foto: www.venetianpost.com)

A meno di due settimane dalle elezioni, si intensifica, da una parte e dall’altra, il fuoco incrociato della campagna elettorale. Stavolta è il turno del Pd, che attraverso la diffusione sul web di brevi clip accompagnate dall’hashtag #iononscelgoZaia, evidente richiamo al claim “Scelgo Zaia” scelto dallo staff leghista come slogan per queste elezioni regionali, sta tentando di promuovere una sorta di boicottaggio nei confronti governatore uscente. 

“Non voto Zaia perché non ha fatto nulla per la Bassa Padovana” tuona il sindaco di Este Giancarlo Piva, in corsa per il consiglio regionale con Alessandra Moretti, dalla propria pagina Facebook. “Aspettiamo la Sr 10 da più di quarant’anni e lui pensa di propinarcela a pagamento: è inaccettabile, significa che i cittadini per raggiungere l’ospedale dovranno fare i conti con un pedaggio.” Gli fa eco l’assessore atestino alle Pari Opportunità Silvia Ruzzon. “Il 31 maggio non voto Zaia perché non crede e non ha mai creduto nel Parco regionale dei Colli Euganei. Non lo voto perché con la Sr 10 ci ha preso in giro, proponendoci assieme al suo assessore Chisso una strada a pedaggio. Voterò Alessandra Moretti, per sperare in un futuro migliore.”

Nella base del partito più di qualcuno si chiede se questa campagna “anti Zaia” non rappresenti, in realtà, l’ennesimo autogol: se non rischi, cioè, di rivelarsi un boomerang, e di favorire ulteriormente il già lanciatissimo candidato del Carroccio, incoronato vincitore dagli ultimi sondaggi. Le campagne elettorali, si sa, sono soprattutto, una sfida di comunicazione. A curare quella di Moretti sono i super consulenti di Dotmedia srl, agenzia che segue anche il premier Renzi: non proprio degli sprovveduti. La loro è una mossa della disperazione, o era stato tutto preventivato? In ogni caso, sarà interessante vedere quale reazione metterà ora in campo Emporio Adv, il cui team assiste Luca Zaia. Per capire chi avrà avuto ragione, invece, bisognerà attendere il 31 maggio.

 

Salva Articolo

Lascia un commento