Indagine epidemiologica, l’Ulss mette a disposizione i dati degli ultimi tre anni

L'azienda fornirà al comitato scientifico i dati sanitari più recenti dei cittadini di Ospedaletto Euganeo ed Este. Entro fine anno la presentazione dei risultati dell'analisi, che cerca correlazioni tra patologie e fattori inquinanti

776
La mappa dei Comuni di Ospedaletto Euganeo ed Este

OSPEDALETTO EUGANEO. L’indagine epidemiologica sullo stato di salute dei cittadini di Ospedaletto Euganeo ed Este non si conclude e, anzi, verrà completata con i dati sanitari relativi agli ultimi tre anni. Ha avuto esito positivo la richiesta congiunta avanzata lo scorso 4 luglio dai sindaci Giacomo Scapin e Roberta Gallana, con cui si chiedeva all’Ulss 6 Euganea di fornire al prof. Vincenzo Baldo, membro del comitato scientifico responsabile dell’indagine e direttore della scuola di specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva dell’Università di Padova, la possibilità di proseguire con il progetto Sei (Servizio epidemiologico integrato) e di accedere ai dati sanitari del triennio 2014-2016.

Lo studio, attivato nel giugno 2015 dall’ex Ulss 17 in collaborazione con il Consorzio Padova Sud (cliccando qui è possibile consultare il documento di accordo tra i due enti), ha l’obiettivo di collegare eventuali patologie frequenti della zona alla presenza della Strada regionale 10, della discarica e dell’impianto di compostaggio Sesa e di altre aziende di notevole impatto come tre cementifici – due hanno chiuso i battenti nel 2013 -, il mangimificio Veronesi e 49 allevamenti avicoli e suini. Il responsabile scientifico dell’indagine epidemiologica è il dott. Virio Gemignani, del Dipartimento di Prevenzione dell’azienda sanitaria. «Siamo molto contenti che il prof. Baldo possa concludere il suo lavoro con i dati aggiornati, offrendo così un quadro d’analisi più completo e aggiornato ai giorni nostri» esulta Giacomo Scapin, primo cittadino di Ospedaletto. I risultati delle analisi dovrebbero essere presentati pubblicamente entro fine anno.

Salva Articolo

Lascia un commento