lunedì 18 Febbraio 2019
Home Politica Fusione Este-Ospedaletto, un rinvio che sa di bocciatura

Fusione Este-Ospedaletto, un rinvio che sa di bocciatura

(Fonte foto: www.vvox.it)
(Fonte foto: www.vvox.it)

Ieri pomeriggio il Consiglio Regionale del Veneto ha rinviato in Commissione il progetto di legge relativo alla richiesta di fusione dei Comuni di Este e Ospedaletto Euganeo. La proposta, avanzata dal consigliere di Forza Italia Massimiliano Barison, è stata approvata con 30 voti a favore e 17 contrari. L’esito della votazione chiude le porte al possibile referendum sulla fusione in primavera: i due Comuni andranno al voto separati, eleggendo ciascuno il proprio sindaco, mentre la proposta di legge tornerà nuovamente in Prima Commissione per un supplemento di istruttoria e di verifica.

«Barison ha evidenziato come il progetto sia stato inviato alla Regione dai due sindaci Piva e Battistella in ritardo, quando avevano tutto il tempo a loro disposizione affinché la procedura fosse rispettata per dare così la possibilità ai cittadini di esprimersi» sottolinea sul proprio profilo Facebook Giacomo Scapin, consigliere comunale di opposizione a Ospedaletto Euganeo e leader del Comitato No Fusione. «La politica regionale ha dimostrato la capacità, il buon senso e la lungimiranza di operare nell’interesse dei cittadini. Questo non si è invece verificato da parte dei due sindaci, che per i loro interessi personali erano disposti a mandare i due Comuni al commissariamento pur di non dare la possibilità ai cittadini di esprimersi con il voto democratico alle prossime amministrative e quindi di sottrarsi al giudizio sul loro operato». Prossime elezioni che secondo il consigliere ospedalettano saranno «il vero referendum sulla proposta di fusione».

Amaro e lapidario il commento dei due sindaci, Giancarlo Piva e Antonio Battistella. «Siamo davanti a una grave lesione del diritto dei cittadini di pronunciarsi sul loro futuro». Sulla stessa linea d’onda i consiglieri regionali del Partito Democratico Claudio Sinigaglia e Piero Ruzzante e la capogruppo Alessandra Moretti. «Non possiamo non essere d’accordo con loro» solidarizzano i dem. «Vigliaccamente, la maggioranza ha scelto di dire no al referendum nascondendosi dietro il rinvio in Commissione. La sovranità deve essere del popolo quando è in ballo il futuro delle comunità locali. Zaia tace e tradisce i cittadini di Este e Ospedaletto togliendo loro la parola di bocca e impedendo loro la possibilità di attivare 18 milioni di incentivi per lo sviluppo del loro territorio. Ciò che è successo in Consiglio oggi è un precedente gravissimo perché invece di esaminare il rispetto della procedura ci si è arrogati di sostituire il giudizio della gente in merito alla fusione. Una brutta, nera, vergognosa pagina della storia della Regione Veneto».

Lascia un commento

Giacomo Visentin
Giacomo Visentin
Classe 1992, ho in tasca due lauree, un Erasmus in Portogallo e diverse collaborazioni nel settore della comunicazione, da Cafè Tv 24 al Corriere del Veneto. La mia esperienza più bella rimane Estensione, che ho fondato nel novembre 2012 e di cui sono tuttora direttore editoriale. La politica, i media e lo sport le mie passioni più grandi.
- Advertisment -

Da leggere

“Este incontra il talento”, terzo appuntamento con le eccellenze enogastronomiche del...

Dopo la scienza e il cinema, anche il palato vuole la sua parte: il terzo appuntamento della rassegna “Este incontra il talento”, ideata dal...
bar-footer
bar-footer