Este, mozione di Pdl e Lega sull’emergenza criminalità

335
(Foto: www.abanopeople.it)
(Foto: www.abanopeople.it)

Torna nuovamente in Consiglio Comunale a Este la spinosa questione della sicurezza. Durante la seduta del prossimo 2 febbraio, infatti, verrà discussa la mozione presentata da Pdl e Lega per  esortare l’amministrazione comunale a mobilitarsi contro l’escalation di atti criminosi che si sta registrando anche nella Bassa Padovana. “Il Veneto, come del resto tutte le altre regioni italiane, è diventato un terreno di battaglia; i furti, le rapine e le truffe sono alcuni dei reati che quotidianamente vengono perpetrati a danno di numerose persone oneste e inermi” si legge nel documento firmato dai consiglieri Gobbo, Fornasiero e Zaramella.

Gli esponenti della minoranza citano i dati forniti dal Presidente della Corte d’Appello di Venezia, Antonino Mazzeo Rinaldi, e dall’Avvocato Generale Domenico De Palma in occasione dell’apertura dell’Anno Giudiziario: in dodici mesi le denunce relative ai furti in abitazione nella nostra Regione sono quasi raddoppiate, passando da 3136 a 5883. Stesso discorso per le rapine (cresciute da 1723 a 2272), l’usura (da 181 casi a 294), gli omicidi (da 40 a 43) e i femminicidi (da 14 a 17). Numeri che dipingono uno scenario sociale ricco di problematiche, acuite dalla crisi economica. Un’emergenza che, secondo i firmatari della mozione, il Governo non starebbe affrontando in modo adeguato: dito puntato, in particolare, contro provvedimenti come lo “Svuotacarceri” e la depenalizzazione dei cosiddetti reati “tenui”, che avrebbero l’effetto di seminare ulteriore paura e insicurezza tra le persone.

“Pur essendo lodevole l’operato svolto dalle forze dell’Ordine per la cattura questi criminali, il trend in aumento di questi fenomeni richiede urgentemente l’intervento del legislatore con una riforma volta alla prevenzione, alla repressione con pene più severe e alla certezza della pena” conclude il documento, che chiede alla Giunta comunale di trasmettere la mozione a Governo, Parlamento e sindaci del territorio.

Salva Articolo

Lascia un commento