Elezioni politiche 2022: come si vota?

Istruzioni utili per compilare correttamente la scheda elettorale delle elezioni politiche del 25 settembre 2022

0
292

Alle elezioni politiche di domenica 25 settembre 2022 ogni elettore riceverà due schede, una per la Camera, di colore rosa, e una per il Senato, di colore giallo.

I seggi sono aperti dalle ore 7.00 alle ore 23.00.

Uninominale e plurinominale

Sulla scheda l’elettore esprime il voto sia per la parte maggioritaria (uninominale) sia per la quota proporzionale (plurinominale). Sotto il nome di ogni candidato nel maggioritario sono stampati i simboli delle liste a lui collegate nel proporzionale e di fianco a questi i nomi dei candidati – da un minimo di 2 a un massimo di 4 – del corrispondente listino bloccato.

È possibile votare con un segno sul nome di un candidato nell’uninominale (vedi fig. 1) o con un segno su una lista (che vale anche per il candidato nell’uninominale corrispondente, vedi fig. 2).

Fig. 1
Fig. 2

In questo caso, sono due le possibilità per quanto riguarda la parte proporzionale: se il candidato è sostenuto da una sola lista, il voto si trasferisce a quella lista; se invece il candidato è sostenuto da più liste, il voto viene distribuito tra le liste che lo sostengono, proporzionalmente ai risultati in quel collegio elettorale.

Se l’elettore dovesse barrare con un doppio segno sia il nome del candidato che il simbolo della lista corrispondente, il voto rimarrebbe valido (vedi fig. 3).

Fig. 3

Voto disgiunto

È vietato il voto disgiunto, ossia la possibilità di votare un candidato nel collegio uninominale e una lista a lui non collegata nella parte proporzionale. Se questo accade, il voto viene annullato (vedi fig. 4).

Fig. 4

Scheda bianca e scheda nulla

Sia che si lasci la scheda in bianco o che si commettano degli errori volontari o meno nella votazione producendo una scheda nulla, le schede vengono scartate. Pertanto non è vero che la scheda bianca o nulla porti vantaggio alla coalizione che sta già vincendo. Entrambe avranno valore ai fini del calcolo dell’affluenza elettorale, ma non avranno peso nel voto delle elezioni.