Dieci nonni-vigili al lavoro per la sicurezza di scuole, parchi e zona pedonale

Confermato e ampliato il progetto di sorveglianza scolari a cura di anziani disoccupati o pensionati. I vigilanti andranno a supportare l’attività della Polizia locale anche durante le manifestazioni del Comune

531

ABANO TERME. Nonni-vigili per il controllo delle entrate e delle uscite degli studenti davanti alle scuole, ma anche per la sicurezza di parchi, giardini pubblici e zona pedonale. La Giunta comunale di Abano Terme, guidata dal sindaco Federico Barbierato, ha confermato tra le attività socialmente utili in cui inserire gli anziani il progetto di sorveglianza scolari, ampliando il raggio d’azione anche alle aree verdi e al centro della città.

In totale saranno dieci i nonni-vigili impiegati: otto confermati dal precedente anno scolastico e due “new entry”, tutti di età compresa tra i 60 e i 75 anni, pensionati o disoccupati e residenti ad Abano. Andranno a supportare l’attività di controllo della Polizia locale sul suolo aponense, garantendo il servizio di sorveglianza anche in occasione delle manifestazioni organizzate dal Comune, in collaborazione con l’Ufficio Manifestazioni. Il controllo della zona pedonale sarà finalizzato a impedire un ingresso indiscriminato dei velocipedi.

Sono diversi anni che il Comune di Abano si avvale della collaborazione dei nonni-vigili per sorvegliare le vie adiacenti agli istituti scolastici. Il servizio è diventato col tempo indispensabile, perché consente al personale della Polizia locale di controllare altri incroci maggiormente pericolosi, come quelli di via Dei Colli, via Pillon o via Busonera. Agli anziani sorveglianti sarà corrisposto un compenso lordo di 8 euro per ogni uscita per l’incarico di vigilante degli alunni e di 10 euro per ogni ora di servizio nella zona pedonale e durante le manifestazioni.

Salva Articolo

Lascia un commento