In arrivo il nuovo piano di riqualificazione del verde pubblico cittadino

Entro pochi giorni l'affidamento dell'incarico. Gallana non risparmia stoccate alle amministrazioni precedenti: «Mancata la cura quotidiana dell'ordinario, ora serve intervento straordinario»

797

ESTE. Annunciato lo scorso giugno dall’assessore ai Lavori Pubblici Serena Biancardi, a breve il nuovo piano di riqualificazione del verde pubblico cittadino sarà finalmente realtà. È scaduto questa mattina, infatti, il termine ultimo per la presentazione della documentazione relativa alla gara d’appalto per l’assegnazione della redazione del piano. Domani mattina alle 9 si procederà all’apertura delle buste delle offerte pervenute, che porterà all’affidamento – nei giorni successivi – dell’incarico.

Il nuovo piano prevede due fasi di manutenzione, ordinaria e straordinaria: la prima fase ha lo scopo di programmare, in modo mirato, il tipo di intervento da adottare e la relativa frequenza, in relazione alle diverse tipologie di verde individuate, siano aiuole, parchi, aree scolastiche, aree sportive o cigli stradali; la seconda prevede la riqualificazione delle fioriere e delle aiuole delle rotatorie stradali, delle piste ciclabili e di viale dell’Industria.

In programma inoltre interventi sulle alberature, con potature, piantumazioni e abbattimenti pianificati in base alla tipologia, allo stato fitosanitario delle piante e alla loro collocazione in città. Previsto in questo caso l’utilizzo del sistema Gis, un software che consente di acquisire, memorizzare, estrarre, trasformare e visualizzare le caratteristiche delle singole piante, valutando il tipo di intervento più adatto.

In arrivo anche un piano di riqualificazione dei viali alberati e di valorizzazione arborea delle aree cimiteriali e dei giardini all’interno del Castello Marchionale, dove verranno piantati nuovi alberi. «La manutenzione del verde cittadino è senz’altro uno degli aspetti più importanti per la città» racconta Biancardi. «Per questo abbiamo ritenuto indispensabile affidare a degli esperti le corrette valutazioni da farsi, soprattutto nelle questioni più delicate inerenti alla riqualificazione dei nostri viali alberati e delle aiuole che in molti casi mostrano innegabili criticità».

«Abbiamo una città molto bella, per alcuni aspetti rovinata dalle mancate manutenzioni ordinarie» spiega il sindaco Roberta Gallana, bacchettando indirettamente le amministrazioni che l’hanno preceduta. «Mi riferisco soprattutto al verde, ai marciapiedi, alle strade, alle aree gioco e agli impianti sportivi. Se per troppo tempo non si ha cura quotidianamente dell’ordinario, l’intervento da farsi diviene straordinario. Il nuovo piano nasce in un’ottica di programmazione pluriennale, ottimizzando le risorse a disposizione».

Salva Articolo

Lascia un commento