giovedì 22 Agosto 2019
Home Politica Bassa Padovana Acque reflue termali come fonte di riscaldamento, al via lo studio di...

Acque reflue termali come fonte di riscaldamento, al via lo studio di fattibilità

Il patto sottoscritto da Amministrazione, Università e Bioce punta a dimostrare la convenienza del progetto. La rete di teleriscaldamento sarebbe destinata ad abitazioni, scuole, palestre e non solo

MONTEGROTTO TERME. Acque reflue dei trattamenti termali come fonte di riscaldamento: se ne discute da anni, probabilmente decenni, senza alcun risultato concreto. Ora, grazie al patto sottoscritto tra l’Amministrazione comunale sampietrina, l’Università di Padova e il Bioce (acronimo di Bacino idrominerario omogeneo dei Colli Euganei, l’ente che raggruppa tutti i concessionari di acque termali), prende il via uno studio che punta a valutare la fattibilità pratica ed economica del progetto.

Mercoledì scorso i vari soggetti coinvolti si sono incontrati per definire le fasi e i tempi di realizzazione della ricerca, che sarà guidata dal professor Michele De Carli del Dipartimento di Ingegneria industriale dell’ateneo patavino in collaborazione con il dottor Jacopo Vivian. L’idea è che lo sfruttamento dell’energia geotermica permetta di alimentare una rete di teleriscaldamento a bassa temperatura (le acque in uscita dalle strutture alberghiere vantano temperature superiori ai 30 gradi) destinata ad abitazioni ed edifici privati e pubblici come scuole e palestre, ma con possibili applicazioni anche in ambito industriale e agricolo.

Il riuso delle acque reflue dopo l’impiego terapeutico è solo uno degli elementi analizzati dalla ricerca, che include anche altri modelli di riutilizzo, come l’uso diretto dell’acqua alla testa del pozzo (questo in linea teorica, perché soggetto a vincoli legislativi), l’utilizzo di scambiatori di calore verticale a circuito chiuso (geotermia tradizionale) e l’eventuale produzione di energia elettrica. Attualmente, a livello legislativo, il Piano di utilizzazione della risorsa termale (Purt) impone che le acque possano essere usate solo a scopi terapeutici; qualora lo studio dimostrasse l’effettiva convenienza del progetto, quindi, sarebbe necessaria una modifica della normativa regionale.

Lascia un commento

Giacomo Visentin
Giacomo Visentin
Classe 1992, ho in tasca due lauree, un Erasmus in Portogallo e diverse collaborazioni nel settore della comunicazione, da Cafè Tv 24 al Corriere del Veneto. La mia esperienza più bella rimane Estensione, che ho fondato nel novembre 2012 e di cui sono tuttora direttore editoriale. La politica, i media e lo sport le mie passioni più grandi.
- Advertisment -

Da leggere

Incidente con cinghiale, come ottenere il risarcimento dei danni

Capita sempre più frequentemente di trovare dei cinghiali sulle strade del bacino dei Colli Euganei. La presenza di questi animali selvatici all’interno della carreggiata,...
bar-footer
bar-footer