EDITORIALE – Sei mesi, quindici giorni e ventisette numeri dopo

0
202

Logoestensione

Era il 19 novembre quando usciva il primo numero di Estensione. Le speranze erano molte e il feedback è stato fin dall’inizio positivo, sia in termini di dati statistici che d’interesse. Da allora sono passati esattamente sei mesi e mezzo ma, almeno per noi della redazione, è come se fossero volati. Tra attualità atestina e nazionale, musica e cinema, tecnologia e letteratura, sport e meteo, abbiamo sempre cercato di offrire quanto di meglio riuscissimo a produrre. Ora ci prendiamo un periodo di pausa lungo quanto un’estate, per ripartire più carichi e preparati di prima.

Sarò sincero: la risposta del pubblico non ha più raggiunto i livelli iniziali (com’era prevedibile), a volte l’entusiasmo è venuto a mancare e la qualità e la quantità degli articoli hanno subito una lieve flessione. Ma ci siamo sempre rimboccati le maniche, abbiamo stretti i denti e le soddisfazioni non sono mancate. Nel momento in cui scrivo, sono 37.461 le visite totali al nostro blog; con gli articoli in uscita domani arriveremo a quota 340 “pezzi”. Non possiamo fermarci ora. Estensione ripartirà, con molte facce nuove, con una struttura probabilmente diversa e ampliata, ma non cesserà di esistere, ve lo posso assicurare.

Inoltre, appare evidente come la gente comune sia stufa di sentire parole, parole, parole: per cambiare lo status quo bisogna darsi da fare concretamente. Il settimanale online è importante, ma Estensione d’ora in poi legherà il proprio nome anche a molti progetti “pratici”, che vi sveleremo con il passare del tempo. Ora voglio solo ringraziare chi ha collaborato lungo questo primo tratto di percorso, sia i superstiti Davide Permunian, Ilenia Sanna, Davide Grigatti, Andrea Pettenuzzo, Marco Travain, Arianna Ferraretto, Andrea Comandini, Valeria Ferraretto, Andrea Pitton, Giulio Zancanella, Federico Prescianotto, Sara Berardelli, sia chi, per impegni di studio o motivi personali, non è più riuscito a scrivere nel nostro giornale, come Alessandro Businaro, Marco Miola, Carlo Pettinato, Francesco Cannatello, Lucrezia Guzzon, Chiara Milan, Erica Perseghin, Davide Andreose, per i quali le porte sono sempre aperte.

Buone vacanze e a presto.

Giacomo Visentin