Volley, All Star Game 2015: parata di stelle al Palafabris di Padova

368
(foto di Redazione)
(foto di Redazione)

Una Epifania, quella di quest’anno, senza precedenti per il mondo del volley femminile. Serata unica al PalaFabris che, in collaborazione con Fipav e il Comune di Padova, ha ospitato una delle manifestazioni più attese dagli amanti della pallavolo: All StarGame. Sono scese in campo, sotto gli occhi di più di 3500 spettatori, le stelle della Master Group Sport Volley Cup di Serie A1, battendosi sulla distanza dei tre set e giocando l’ultimo parziale indipendentemente dal risultato dei primi due. Forti dell’ottima prestazione dello scorso Mondiale, le campionesse italiane si sono scontrate, in una gara all’insegna dello spettacolo, con le pallavoliste straniere adottate dalla Lega Pallavolo Serie A.

Gioli e Leggeri, Sylla e Tirozzi, sono solo alcuni dei nomi dell’Italvolley del passato e del futuro che hanno infiammato un PalaFabris “sold-out”. Al pubblico poco importa se a imporsi sono state le giocatrici del Resto Del Mondo, quello di martedì è stato un match di valore che ha premiato il talento, senza eguali, delle star internazionali guidate da Kimberly Hill. La statunitense, decretata migliore giocatrice del Mondiale concluso lo scorso ottobre, ha portato il proprio team alla conquista del Trofeo, vincendo i primi due set con un punteggio di  25-21 e 25-22.

 Nell’ avvio partita le ragazze del Resto del mondo, guadagnando un margine iniziale di tre punti, hanno controllato l’intero primo set, soprattutto grazie alla precisione in attacco di Hill. Inutile il tardivo risveglio delle azzurre che, dopo aver messo a segno diversi muri vincenti con Tirozzi e Gioli, sono state schiacciate dall’accoppiata Ozsoy-Hill. Nel secondo parziale le italiane ingranano nel migliore dei modi con una Sylla scatenata, tuttavia il Resto del Mondo, rinnovato in formazione, non molla e con Brinker e Lipicer si riporta in vantaggio.Le azzurre tornano all’inseguimento e, col turno di servizio di Sylla, provano a riaprire il set portandosi a 21-23; ma la tedesca Brinker confeziona i due punti della vittoria ed è 25-22. Spinte dall’orgoglio e trascinate sia dalla grinta della giovane Miriam  che dall’eleganza di Valentina Tirozzi, le All Star Italia dominano il gioco nell’ultimo parziale, portandosi così a casa il terzo set 15-13.

Oltre al talento, fulcro della manifestazione è stata la passione dei più giovani: centinaia i bambini e i teenager che, al temine della premiazione, hanno invaso il campo per strappare un autografo, una foto o un “selfie” alle proprie eroine. La grande affluenza di ragazzi racchiude l’essenza di questo evento in pieno stile USA, che ha permesso di avvicinare i piccoli alla pallavolo che fa sognare.

Salva Articolo

Lascia un commento